GLOSSARIO

Orologeria

Orologeria

All | A B C D É F G H I J K L M N O P Q R S T V W
There are currently 206 names in this directory
Acciaio inossidabile
Questa lega popolare è una combinazione di acciaio, nichel e cromo, con la miscela di molibdeno o tungsteno. L'acciaio inossidabile non si arrugginisce, è estremamente resistente e non magnetico, ma è relativamente difficile da lavorare. Gli orologi da polso con cassa in acciaio inossidabile sono diventati sempre più popolari negli ultimi anni. Questo vale anche per gli orologi da polso di lusso con cassa in acciaio inossidabile.

Allarme
Una delle prime funzioni aggiuntive assegnate agli orologi dei treni ad ingranaggi meccanici, i primi meccanismi di allarme furono realizzati già nel XVI secolo. Emettono un segnale acustico quando arriva un momento prestabilito. Eterna brevettò uno dei primi orologi da polso con sveglia nel 1908. Tra i più famosi orologi da polso con sveglia figurano il "Cricket" di Vulcain (che debuttò nel 1947), il "Memovox" di Jaeger-LeCoultre (introdotto nel 1951) e il "Memomatic" di Omega (che fu lanciato nel 1969). L'ora della sveglia sul “Memomatic” può essere impostata con precisione al minuto.

Ambientazione
Pezzo circolare di metallo stampato con un foro per ospitare un gioiello. Per fissare l'impostazione alla sua barra (ponte), viene premuto o avvitato nella barra. Lo scopo originale dell'ambientazione era principalmente estetico. Realizzate in oro o un metallo simile all'oro, le montature sono state utilizzate per migliorare la lucentezza e l'effetto di splendidi gioielli. Solo più tardi gli orologiai hanno scoperto l'utilità pragmatica delle impostazioni. Il gioiello all'interno di un'incastonatura di fabbrica può essere facilmente sostituito se la pietra si rompe. Sulla scia della produzione automatizzata di movimenti di orologi, le impostazioni sono diventate sempre più comuni. I timbri potrebbero perforare con precisione i fori nel ponte per accettare le impostazioni. Le impostazioni diventano inutili dopo che i produttori di gioielli sono diventati in grado di fornire i loro prodotti con una qualità assolutamente impeccabile e dimensioni esattamente identiche. Questi gioielli potevano essere pressati direttamente nei fori praticati in ponti, galli e piastre. Le impostazioni avvitate vengono utilizzate oggi a causa del loro aspetto attraente. Si trovano più spesso nei movimenti realizzati dai produttori di orologi a Glashütte.

Anno bisestile
Secondo il calendario giuliano, ogni quattro anni ha un giorno in più aggiunto a mezzanotte del 28 febbraio. A causa di questo giorno aggiuntivo (29 febbraio), un anno bisestile ha 366 giorni, invece dei 365 giorni che compongono un normale anno.

Assorbimento degli urti
Sistema per proteggere i perni fini e quindi molto delicati dell'asta della bilancia dalla rottura. Per fare ciò, i gioielli e le pietre terminali nel cuscinetto del personale della bilancia sono fissati elasticamente alla piastra e al rubinetto della bilancia. Quando l'orologio viene colpito da un duro colpo, questi gioielli cedono lateralmente e / o assialmente. Un orologio con assorbimento degli urti dovrebbe essere in grado di sopravvivere indenne a una caduta da un metro di altezza su un pavimento di legno. Dopo il tuffo, la velocità dell'orologio non dovrebbe mostrare grandi deviazioni. Gli orologi con sistemi di assorbimento degli urti furono commercializzati per la prima volta negli anni '30. L'assorbimento degli urti era diventato un equipaggiamento standard negli anni '50. In origine, molti marchi di orologi utilizzavano i propri sistemi di assorbimento degli urti (in parte per ridurre i costi), ma questi sistemi non sono sopravvissuti a lungo termine. I sistemi di assorbimento degli urti più noti e più diffusi sono i cosiddetti sistemi “Kif e Incabloc”. Quest'ultimo può essere riconosciuto dalla sua molla stabilizzatrice, che ha la forma di una lira.

Avvolgimento a corona
Fino alla fine del XIX secolo, piccole chiavi venivano utilizzate per caricare le molle e / o impostare le lancette di molti orologi da tasca. Un orologio con un moderno sistema di carica della corona si basa su una piccola corona per svolgere entrambe queste attività. L'attività svolta dalla corona dipende da quanto è stata estratta dalla cassa. Il sistema di carica della corona di uso comune oggi è stato ideato da Jean Adrien Philippe, che ha ricevuto un brevetto per la sua invenzione il 7 settembre 1861. L'idea di Philippe prevedeva una ruota di trasmissione, che era montata sullo stelo di carica in modo tale che questa ruota può ruotare. Questa ruota è accoppiata tramite un ingranaggio tagliato con denti di lupo al pignone di regolazione manuale, che può essere spostato avanti e indietro. La comoda rotazione "a vuoto" all'indietro della corona è stato un miglioramento che ha perfezionato il sistema di carica della corona. Al giorno d'oggi, questo sistema di carica si trova su molti milioni di orologi a carica manuale ea carica automatica.

Avvolgimento del pedometro
Un sistema di carica automatica che utilizza una massa oscillante che, come la massa oscillante in un contapassi, oscilla su e giù quando la persona che indossa l'orologio cammina. Un treno di ingranaggi trasmette l'energia cinetica alla molla principale. Si ritiene che la carica del contapassi sia stata inventata da Abraham-Louis Perrelet di Le Locle, Svizzera, nel 1770. I primi orologi da polso con questo tipo di sistema di carica furono commercializzati negli anni '20, ad esempio da Léon Leroy (1922) e John Harwood (1924) . L'avvolgimento del contapassi era ancora utilizzato in alcuni orologi da polso fino agli anni '50.

Balance Spring
La molla del bilanciere può essere giustamente descritta come "l' anima" di un orologio meccanico. L'estremità interna di questa molla a spirale è fissata al personale della bilancia; l'estremità esterna è fissata tramite il perno della molla del bilanciere al rubinetto del bilanciere. L'elasticità della molla assicura che l'equilibrio oscilli regolarmente avanti e indietro. In combinazione con il momento di inerzia del cerchio del bilanciere, la lunghezza attiva della molla del bilanciere determina la durata di ciascuna vibrazione del bilanciere. Per questo motivo, la maggior parte degli orologi è dotata di un indice che può essere spostato in incrementi infinitesimali per modificare con precisione la lunghezza attiva della molla del bilanciere. L'allungamento della lunghezza attiva fa sì che l'orologio funzioni più lentamente; l'accorciamento della lunghezza attiva fa sì che l'orologio funzioni più velocemente. La precisione degli orologi meccanici dipende anche dalla qualità del materiale e dalla forma del bilanciere. Questa molla è tre o quattro volte più sottile di un capello umano e pesa 2/1000 di grammo (0,002 g). Nonostante la sua estrema snellezza e il peso leggero come una piuma, è comunque in grado di resistere a tensioni pari a un peso di 600 grammi. Le sottili spire di una spirale si contraggono ogni anno e si espandono più di 200 milioni di volte.

Balance Spring Stud
Un piccolo pezzo di metallo, appuntato o (nei movimenti moderni) incollato all'estremità esterna della molla del bilanciere. Il prigioniero della molla del bilanciere è fissato (solitamente avvitato) all'aletta del rubinetto o della piastra del bilanciere.

Barile
La canna è composta da un disco dentato e da una scatola cilindrica. Quest'ultimo è solitamente chiuso da un coperchio. La canna gira liberamente sul suo pergolato. La molla principale è avvolta all'interno della canna. Il disco dentato della canna ingrana con il primo pignone del treno di un orologio meccanico.

Berillio
Un bianco argenteo, metallo malleabile estratto dal berillo. Le leghe contenenti berillio sono caratterizzate dalla loro straordinaria durezza, resistenza ed elasticità. Il bronzo al berillio è usato negli orologi, ad esempio per fare bilance. Vedi anche glucydur.

Bilancia bimetallica
Prima dell'invenzione della molla del bilanciere di compensazione, gli orologi meccanici di alta qualità erano generalmente dotati di bilance di compensazione bimetalliche. Il cerchio, che viene tagliato vicino ai bracci, è costituito da due metalli (acciaio e ottone) che hanno coefficienti di dilatazione diversi quando esposti agli sbalzi di temperatura. Le variazioni del momento di inerzia della bilancia compensano le variazioni indotte termicamente nella lunghezza di una molla di bilanciamento in acciaio temprato.

Breguet Overcoil Balance Spring
Il contributo decisivo all'ottimizzazione della spirale è stato dato da Abraham-Louis Breguet. Questo talentuoso orologiaio ha riconosciuto l'importanza della curva terminale per il "respiro" concentrico della spirale. Ha debuttato un tipo di molla che in seguito sarebbe stata conosciuta come "Breguet overcoil" nel 1795. La caratteristica distintiva di questo tipo di molla è la sua bobina esterna rialzata. Questo dettaglio apparentemente minore migliora lo sviluppo concentrico e quindi la precisione del bilanciere. A partire dal 1860 circa, Edouard Philips ha studiato le molle del bilanciere e le loro varie forme. La sua ricerca, che pubblicò nel 1861, rimane valida ancora oggi. Le tabelle e i grafici ideati da questo professore francese di matematica sono serviti come base indispensabile per la formazione delle successive molle di bilanciamento.

Cadrature
Termine tecnico utilizzato per descrivere il meccanismo di regolazione aggiuntivo aggiunto a un orologio complicato: ad esempio, il meccanismo di un cronografo, un ripetitore con percussioni o un calendario. A seconda della costruzione, una cadratura può essere integrata nel movimento o montata su una piastra separata e collegata in modo additivo al movimento principale. Quest'ultima, la cosiddetta soluzione "modulare", è solitamente meno costosa perché i suoi produttori possono contare su un movimento già pronto. Le costruzioni integrate, ad esempio per cronografi o ripetitori, devono essere sviluppate individualmente. Quasi tutte le funzioni aggiuntive sono ora disponibili in forma modulare.

Calendario annuale
Orologio da polso che mostra la data corretta per l' intervallo di un anno dal 1 marzo di un anno al 28 febbraio dell'anno successivo.

Calendario completo
Un calendario completo con visualizzazioni per giorno, data e mese. Il ripristino manuale della visualizzazione della data e del mese è necessario alla fine dei mesi che hanno meno di 31 giorni. Alcuni orologi da polso con calendari completi fanno avanzare automaticamente la visualizzazione del mese verso la mezzanotte del giorno in cui la visualizzazione della data ha raggiunto il numero "31".

Calendario giuliano
Il familiare ciclo di tre anni ordinari di 365 giorni seguiti da un anno bisestile di 366 giorni fu avviato dall'imperatore romano Gaio Giulio Cesare. L'anno è stato definito dal calendario giuliano, tuttavia, è di 0,0078 giorni più lungo dell'anno astronomico effettivo. Papa Gregorio XIII ha corretto l'errore, che nel corso di molti secoli si era accumulato a dieci giorni interi, istituendo il calendario gregoriano nell'anno 1582.

Calendario Gregoriano
Dopo molti anni di preparazione, e subito dopo la cancellazione totale di dieci giorni interi, il 15 ottobre 1582 entrò in vigore a Roma una riforma del calendario ordinata da Papa Gregorio XIII. Questa riforma eliminò il minuscolo errore residuo contenuto nel calendario giuliano , che era in vigore dal 45 aC e secondo cui l'anno era troppo lungo per una frazione di giorno: 0,0078 x 24 ore = 673,92 secondi troppo lungo, per l'esattezza. Il calendario gregoriano compensa questo piccolo errore diminuendo di tre anni bisestili ogni 400 anni. Ogni volta che arriva un anno secolare (cioè un anno le cui ultime due cifre sono "zero") che non è divisibile per 400, quell'anno non è un anno bisestile. Quindi, non ci sarà il 29 febbraio negli anni 2100, 2200 e 2300 d.C.

Calendario perpetuo
Un meccanismo di calendario che tiene conto automaticamente delle lunghezze variabili dei mesi e che non richiederà la regolazione manuale fino alla mezzanotte del 28 febbraio 2100.

Calendario semiperpetuo
Un orologio che indica correttamente le varie lunghezze dei mesi durante un ciclo di anno bisestile. Il 29 febbraio gli è sconosciuto perché manca una ruota che gira attorno al proprio asse una volta ogni quattro anni.

Calibro
Le dimensioni e la forma di un movimento e delle sue parti. Il nome e / o il numero di un calibro consente di identificare esattamente il dispositivo, ad esempio, quando si ordinano parti di ricambio. Fino agli anni '70, i grandi produttori di ébauche a volte avevano più di 100 calibri diversi nella loro gamma di prodotti. Questa ampia diversità non esiste più per i calibri. Tradizionalmente si distinguono i calibri rotondi per gli orologi aperti (Lépines), i calibri rotondi per gli orologi a molla (Savonnettes o hunters) e i calibri di varie forme (ad esempio calibri a forma di baguette, tonneau, ovali o rettangolari). I calibri Lépine sono riconoscibili dal fatto che il personale che porta la lancetta dei secondi è situato lungo una linea immaginaria che si estende dal gambo di carica. Questo differisce dalla situazione negli orologi da cacciatore, in cui l'asta che porta l'asse della lancetta dei secondi, il centro dell'orologio e lo stelo di carica formano un angolo di 90 °. Se è presente un piccolo quadrante dei secondi, si trova in corrispondenza del "6". Le ébauches pronte fornite dai fornitori di ébauche dovrebbero essere distinte dai cosiddetti calibri "produttori". Questi ultimi sono movimenti che le manifatture producono per proprio uso. Infine, a volte si incontra il termine calibri "riservati". Questo si riferisce agli ébauche che i produttori di ébauche sviluppano e / o producono esclusivamente per i singoli clienti. Altre établisseures non hanno accesso a questi calibri. Le ébauches pronte fornite dai fornitori di ébauche dovrebbero essere distinte dai cosiddetti calibri "produttori". Questi ultimi sono movimenti che le manifatture producono per proprio uso. Infine, a volte si incontra il termine calibri "riservati". Questo si riferisce agli ébauche che i produttori di ébauche sviluppano e / o producono esclusivamente per i singoli clienti. Altre établisseures non hanno accesso a questi calibri. Le ébauches pronte fornite dai fornitori di ébauche dovrebbero essere distinte dai cosiddetti calibri “produttori”. Questi ultimi sono movimenti che le manifatture producono per proprio uso. Infine, a volte si incontra il termine calibri "riservati". Questo si riferisce alle ébauche che i produttori di ébauche sviluppano e / o producono esclusivamente per i singoli clienti. Altre établisseures non hanno accesso a questi calibri.

Calibro con sveglia a baguette
Un calibro rettangolare allungato molto popolare negli anni '20 e all'inizio degli anni '30. Il rapporto tra le sue proporzioni (lunghezza e larghezza) deve essere almeno 3: 1.

Calibro Lépine
In questa forma di costruzione per movimenti di orologi, che prende il nome dall'orologiaio francese Jean-Antoine Lépine, le ruote e il bilanciere condividono un piano comune e scorrono su un lato della piastra sotto i ponti e i galli. Inoltre, in un calibro Lépine, la corona di carica con regolazione, il centro del quadrante e l'asse della lancetta dei secondi sono tutti allineati lungo la stessa linea.

Calotte
La parola francese "calotte" significa "zucchetto". Nel gergo dell'orologiaio, descrive una cassa a cupola ripida o la parte anteriore a cupola della cassa di un orologio da polso.

Carato
Unità di misura utilizzata per esprimere la finezza dell'oro. Il cosiddetto "oro fino" è puro quasi al 100% ed è sinonimo di "oro a 24 carati". Se, ad esempio, la cassa di un orologio da polso è realizzata in oro 18 carati, la lega contiene 750 parti di oro ogni 1.000 parti di lega. Il restante quarto della lega è costituito da altri metalli (rame, ottone, argento, ecc.). L'oro di quattordici carati ha una finezza di 585 parti per 1.000. L'oro a otto carati ha una finezza di 333 parti per 1.000. La finezza della lega è mostrata sulla cassa dell'orologio come un segno distintivo inciso nel metallo.

Carica automatica
Un meccanismo aggiuntivo che utilizza i movimenti del braccio di chi lo indossa come fonte di energia per caricare la molla principale di un orologio meccanico. Abraham Louis Perrelet è accreditato dell'invenzione dell'orologio portatile a carica automatica. Orologiaio autodidatta, Perrelet presentò nel 1770 due diverse costruzioni a carica automatica: una si basava su una massa oscillante; l'altro su un rotore a rotazione illimitata. Entrambi sono stati progettati per rendere superflua la chiave di carica. I meccanismi di carica automatica sugli orologi da tasca non potevano funzionare in modo efficiente perché questi orologi non subiscono un movimento sufficiente, quindi la popolarità di tali meccanismi è rimasta limitata. Gli orologi da polso, che vengono indossati su una delle parti più attive del corpo, hanno aiutato la carica automatica a raggiungere una svolta. L'inizio di questa svolta è attribuito all'orologiaio parigino Léon Leroy nel 1922. I primi orologi da polso prodotti in serie con carica automatica sono stati progettati dall'inglese John Harwood, che ha brevettato un meccanismo corrispondente nel 1924. Rolex ha debuttato il primo orologio da polso con carica a rotore (unidirezionale) in 1931. Felsa, il produttore di ébauche, ha introdotto un rotore a carica bidirezionale nel 1942. Il rotore a sfera di Eterna, che ha debuttato nel 1948, ha aperto la strada ai sistemi a carica automatica che seguirono negli anni successivi. Dopo che la "crisi del quarzo" si era in qualche modo placata, la rinascita degli orologi da polso a carica automatica iniziò nel 1983. Rolex ha debuttato il primo orologio da polso con carica rotore (unidirezionale) nel 1931. Felsa, il produttore di ébauche, ha introdotto un rotore a carica bidirezionale nel 1942. Il rotore a sfera di Eterna, che ha debuttato nel 1948, ha tracciato una pista per i sistemi a carica automatica che seguirono negli anni successivi. Dopo che la "crisi del quarzo" si era in qualche modo placata, la rinascita degli orologi da polso a carica automatica iniziò nel 1983. Rolex ha debuttato il primo orologio da polso con carica rotore (unidirezionale) nel 1931. Felsa, il produttore di ébauche, ha introdotto un rotore a carica bidirezionale nel 1942. Il rotore a sfera di Eterna, che ha debuttato nel 1948, ha tracciato una pista per i sistemi a carica automatica che seguirono negli anni successivi. Dopo che la "crisi del quarzo" si era in qualche modo placata, la rinascita degli orologi da polso a carica automatica iniziò nel 1983.

Cassa
La custodia protettiva esterna di un orologio. Le custodie sono realizzate in una vasta gamma di versioni diverse e con un'ampia gamma di materiali. Viene fatta una distinzione tra casse aperte (Lépine) e casse chiuse (cacciatore) sugli orologi da tasca. Le custodie protette dagli spruzzi o completamente impermeabili a varie profondità sono spesso utilizzate sugli orologi da polso. Ci sono anche un gran numero di diverse forme di cassa (rotonda, quadrata, ovale, rettangolare, tonneau) e materiali (platino, oro, argento, acciaio, titanio, alluminio, plastica, ecc.).

Cassa bicolore
Cassa dell'orologio realizzata con una combinazione di due metalli di colore diverso, ad esempio acciaio inossidabile e oro giallo, oro bianco e oro giallo o oro rosso e oro giallo. Le parti gialle di alcune custodie bicolori sono semplicemente placcate in oro.

CET
Central European Time. La Germania e altri paesi dell'Europa centrale istituirono l'ora dell'Europa centrale il 1 aprile 1893. L'ora dell'Europa centrale è un'ora avanti (+1) rispetto all'ora mondiale o universale (nota anche come GMT o ora di Greenwich). GMT è definito come l'ora solare media al meridiano di Greenwich (0 ° di longitudine).

Chablon
Non esiste un equivalente italiano per questo termine tecnico nel gergo dell'orologiaio francese. Indica una serie di componenti non assemblati per un grezzo di movimento.

Coin Watch
Una moneta con un movimento dell'orologio incorporato. I primi orologi a moneta furono costruiti nel XVIII secolo. Per creare tali orologi, una moneta viene dimezzata, quindi ogni metà viene svuotata e un movimento ultrapiatto viene inserito "a sandwich" tra le due metà della moneta.

Colpo automatico
Il sorprendente lavoro di un orologio da tasca o da polso è automatico se, a differenza del sorprendente lavoro di un orologio a ripetizione, funziona completamente senza la necessità di intervento manuale. Come un orologio domestico, un orologio con suoneria automatica annuncia in modo udibile l'arrivo delle ore (petite sonnerie) o sia delle ore che dei quarti (grande sonnerie). In risposta alla semplice pressione di un pulsante, questi elaborati meccanismi possono anche essere attivati ​​per far risuonare le ore, i quarti d'ora ei minuti.

Compensazione della molla del bilanciamento
L'elasticità delle molle di bilanciamento in acciaio temprato varia al variare della temperatura. Ciò causa cambiamenti corrispondenti nella velocità di un orologio. Per contrastare questo effetto, gli orologi di precisione sono dotati di un bilanciere bimetallico. Le molle del bilanciere di compensazione furono commercializzate per la prima volta con il nome "nivarox" nel 1933. Il Nivarox, una lega composta da diversi metalli, consente alla molla del bilanciere di compensare le variazioni di temperatura. Tutti gli orologi da polso di migliore qualità di oggi utilizzano molle del bilanciere nivarox in combinazione con bilance gluciduro monometalliche.

Complicazione
Un meccanismo aggiuntivo in un orologio meccanico. Le complicazioni più importanti includono: sistemi di carica automatica, display dell'equazione del tempo, cronografi, oltre a flyback, calendario perpetuo, movimenti ripetitori, suonerie automatiche (grande / petine sonnerie), tourbillon e allarmi.

Contatore delle ore
Un dettaglio nella costruzione di alcuni cronografi, un contatore delle ore conta il numero di ore che sono trascorse dall'inizio di una sequenza di tempo di arresto. La maggior parte dei contatori delle ore può contare un massimo di dodici ore. Quando si preme il pulsante di ritorno a zero, anche la lancetta del contatore delle ore torna alla posizione iniziale.

Contatore minuti
I cronometri e i cronografi hanno spesso un contatore per calcolare il numero di minuti che sono trascorsi dall'inizio di una sequenza del tempo di arresto. I contatori che totalizzano fino a un massimo di 30 o 45 minuti sono i più comuni. Questi ultimi si ritrovano, ad esempio, sui cronografi utilizzati dagli arbitri che officiano le partite di calcio. Altri contatori possono contare un massimo di soli 15 o un massimo di 60 minuti. Quando la lancetta dei secondi del cronografo o del cronometro viene riportata alla sua posizione zero, anche la lancetta del contatore dei minuti ritorna alla sua posizione iniziale.

Contraffazioni
La contraffazione degli orologi era già un problema serio molto prima che l'Estremo Oriente diventasse meta del turismo di massa. Abraham Louis Breguet (1747-1823) usò un'insegna segreta nel suo tentativo di proteggersi dall'abuso non autorizzato del suo nome. Rinomate aziende di orologi esercitano sforzi rigorosi per contrastare la contraffazione, ma la lotta in corso contro gli imitatori sembra quasi senza speranza. Come la leggendaria Hydra, ogni contraffazione distrutta sembra generarne due nuovi. I falsi moderni sono copie più o meno accurate di modelli di orologi comuni. Si basano principalmente sull'aspetto facilmente riconoscibile dell'orologio autentico e / o sulle insegne del suo produttore. La qualità dell'imitazione gioca generalmente un ruolo subordinato. L'energia criminale è diretta meno all'acquirente del falso, che di solito sa cosa riceve per la sua tipica piccola somma di denaro. Il danno è subito da quasi tutti i marchi di lusso. Certificati, fatture e custodie non fungono più da garanzia di autenticità perché anche questi articoli sono prontamente e frequentemente contraffatti.

Contrassegno di riparazione
Dopo che un orologio è stato riparato o rinnovato, e talvolta anche prima che un orologio venga venduto, alcuni orologiai imprimono un segno di riparazione (di solito sul retro della cassa dell'orologio). Questo segno indica quando è stata eseguita la manutenzione e protegge un orologiaio da reclami ingiustificati. Gli intenditori possono determinare l'età e alcuni altri fatti sulla "carriera" dell'orologio leggendo il numero, il tipo e (se presente) la data sul marchio di riparazione.

Copertura interna
Una copertura protettiva aggiuntiva (cupola o cuvetta) sotto la copertura posteriore esterna di un orologio. Questo tipo di copertura aggiuntiva si trova più comunemente sugli orologi da tasca. I primi orologi da polso con cassa incernierata a volte erano anche dotati di coperture interne.

Corona
Un pulsante solitamente scanalato che può essere ruotato per avvolgere la molla principale, impostare le lancette e / o regolare la visualizzazione della data. La corona veniva talvolta utilizzata anche per governare la funzione cronografo sugli orologi più vecchi. Sui moderni orologi stagni, la corona può essere avvitata frequentemente alla cassa. Un forte colpo laterale alla corona può provocarne la rottura, quindi i cerchi delle casse dei moderni orologi da polso sportivi di solito sporgono leggermente su entrambi i lati della corona per proteggere la corona dai danni.

COSC
Contrôle Officiel Suisse des Chronomètres (Sito ufficiale svizzero per i test dei cronometri). Un'agenzia svizzera con sede a La Chaux-de-Fonds e filiali a Bienne, Ginevra e Le Locle che conduce tutti i test ufficiali del cronometro e rilascia i certificati di valutazione corrispondenti. L'acronimo "COSC" è in uso dal 1973.

Cristalli
Vari tipi di cristalli vengono utilizzati sugli orologi da polso. I cristalli di vetro si trovano principalmente sui primi orologi da polso. Questi cristalli sono resistenti ai graffi, ma molto fragili e soggetti a frantumarsi. A partire dagli anni '40, i cristalli di vetro furono sempre più frequentemente sostituiti da cristalli di plastica artificiali (plexiglas). Questi sono infrangibili, ma inclini a graffiarsi. I cristalli minerali hanno una durezza di 5 sulla scala di Mohs e sono quindi significativamente più robusti dei cristalli di plexiglas. Gli orologi da polso di alta qualità di oggi si affidano principalmente allo zaffiro sintetico per i loro cristalli. Questo materiale, che ha una durezza di 9 sulla scala di Mohs, è estremamente resistente ai graffi, ma può essere lavorato solo con speciali utensili diamantati.

Cristallo di zaffiro
Materiale antigraffio, avente una durezza di 9 sulla scala di Mohs, utilizzato per i vetri degli orologi. Solo il diamante è più duro dello zaffiro.

Croce Maltese
Il marchio di Vacheron Constantin ha la forma di una croce maltese. Un componente di forma simile viene utilizzato per limitare la misura in cui la canna può essere avvolta. Insieme a un dito montato sull'albero del bariletto, la croce maltese compensa le maggiori differenze di coppia nell'accensione di orologi meccanici e orologi con ingranaggi. Questa tecnica elaborata è usata solo raramente al giorno d'oggi e si trova solo in orologi particolarmente raffinati.

Cronografo
La parola "cronografo" (o il termine etimologicamente più accurato "cronoscopio") descrive un orologio con una lancetta delle ore e dei minuti, nonché una lancetta dei secondi del cronografo (di solito assiale centralmente o "a scorrimento"). Quest'ultima lancetta è collegata a uno speciale meccanismo aggiuntivo che avvia, arresta e riporta la lancetta alla sua posizione zero, solitamente in risposta alla pressione di uno o più pulsanti. La visualizzazione dell'ora non è influenzata dall'attività di questo meccanismo. A seconda della versione specifica, un cronografo può anche essere dotato di contatori per il conteggio dei minuti e delle ore trascorsi dall'attivazione della funzione stop-time. Premendo il pulsante di ritorno a zero, tutte le lancette del cronografo (comprese quelle sui contatori) tornano alle loro posizioni iniziali. I cronografi con due pulsanti hanno dominato il mercato dagli anni '30. Uno dei due pulsanti avvia e ferma la lancetta del cronografo; l'altro lo riporta alla sua posizione zero. I cronografi di questo tipo rendono possibile l'arresto additivo, cioè la lancetta del cronografo può essere ripetutamente fermata e riavviata dalla posizione in cui si trovava nell'istante in cui è stata fermata. A seconda della frequenza del bilanciamento, un cronografo meccanico da polso può fermare il tempo con una precisione fino al decimo di secondo.

Cronografo con ruota a colonne
Senza un meccanismo di governo intelligente, non sarebbe possibile avviare, arrestare e riportare a zero la lancetta dei secondi di un cronografo indipendentemente dal movimento. I classici calibri dei cronografi si basano su una ruota a colonne girevole per governare queste tre funzioni. A seconda dei dettagli della costruzione del movimento, questo componente relativamente elaborato può avere cinque, sei, sette, otto o anche nove colonne. Ogni volta che viene attivata una delle funzioni del cronografo, la ruota a colonne avanza in senso orario lungo un angolo definito con precisione. Se l'estremità di un bilanciere si ferma su una delle sue colonne, quest'ultima mantiene la prima in posizione rialzata. Se il bilanciere si ferma tra due colonne, una leggera pressione da una molla lo mantiene in una posizione depressa.

Cronografo flyback
Uno speciale meccanismo controlla due lancette dei secondi del cronografo che si trovano una sopra l'altra, consentendo così di cronometrare contemporaneamente due o più eventi che iniziano nello stesso momento (ad esempio i tempi di arrivo individuali dei velocisti che hanno iniziato una corsa a piedi nello stesso istante ). Un complesso meccanismo di commutazione aggiuntivo accoppia la lancetta flyback con la lancetta dei secondi del cronografo. Uno speciale pulsante ferma la lancetta flyback in modo che sia possibile leggere un tempo intermedio mentre la lancetta dei secondi del cronografo continua a muoversi nel piano sotto la lancetta flyback. Quando questo stesso pulsante viene premuto di nuovo, la lancetta flyback si ricongiunge al suo compagno. I cronografi flyback originali debuttarono nel 1883. Gli orologi da polso con cronografi flyback furono venduti per la prima volta nel 1920. A causa della tecnologia elaborata e quindi molto costosa al loro interno, tali orologi sono sempre stati oggetti molto speciali.

Cronometri
A differenza dei cronografi, i cronometri non visualizzano l'ora ordinaria del giorno. Nei cronometri costruiti semplicemente, la pressione su un pulsante interrompe il progresso del movimento, arrestando così anche il progresso della lancetta dei secondi.

Cronometro
Un orologio di precisione che ha dimostrato l'accuratezza del suo ritmo durante una serie di test di 15 giorni condotti in un sito ufficiale di test (ad esempio presso il COSC in Svizzera). Per qualificarsi come cronometro, la frequenza media giornaliera dell'orologio non deve eccedere di più di -4 o +6 secondi in ciascuna delle seguenti cinque posizioni: corona a sinistra, corona su, corona giù, quadrante su e quadrante giù. La deviazione media giornaliera della velocità non può superare i due secondi; la massima deviazione della velocità non deve superare i cinque secondi. Tutti gli orologi candidati vengono testati a temperature di 23,8 e 38 gradi Celsius. Solo dopo aver superato i test di cronometro un orologio guadagna il diritto di portare la parola "cronometro" sul quadrante e di essere venduto insieme a un certificato ufficiale di classificazione.

Cuscinetto
Un foro praticato per accettare un perno di un treno di ingranaggi. Negli orologi da polso e da tasca di pregio, così come negli orologi, l'attrito viene ridotto inserendo gioielli portanti nei fori che accettano i perni in rapida rotazione di ruote e pignoni. Gli orologi più semplici si accontentano di semplici fori praticati nelle piastre, nei ponti o nei rubinetti. Questa soluzione più semplice ha però l'inconveniente che i fori di articolazione si allargano presto per abrasione, soprattutto se la lubrificazione è insufficiente. A questo inconveniente si può ovviare con l'inserimento di boccole, solitamente in ottone o bronzo.

Dateline
Secondo un accordo internazionale, la dateline coincide quasi con il 180 ° meridiano di longitudine, che attraversa l'Oceano Pacifico vicino alla Nuova Zelanda e alle Isole Fiji. Un viaggiatore diretto a ovest che attraversa la linea di dati "perde" un giorno e salta in avanti al giorno e alla data dopo domani. Un viaggiatore diretto a est che attraversa la linea di dati "guadagna" un giorno e ripete lo stesso giorno e data una seconda volta. Questa procedura compensa le differenze di date e giorni della settimana che si verificano nel corso di una circumnavigazione.

Detergente
Un movimento meccanico svolge un lavoro molto arduo, quindi dovrebbe ricevere assistenza qualificata presso Wempe Jewelers almeno una volta ogni quattro anni. Inutile dire che un'automobile, le cui parti sono in movimento solo poche ore al giorno, riceve un cambio dell'olio e una manutenzione a intervalli regolari. Le parti di un orologio, in confronto, sono in movimento 24 ore al giorno. La mancata manutenzione regolare dell'orologio può provocare danni ai componenti delicati del treno degli ingranaggi dell'orologio. Quando un orologio viene consegnato a Wempe per la manutenzione, orologiai qualificati smontano completamente il movimento, controllano accuratamente ogni parte, quindi rimontano l'orologio.

Dial Train (Motion Work)
Un treno di ingranaggi situato tra la piastra e il quadrante. Trasmette e traduce la rotazione del pignone dei minuti nella lancetta delle ore. Inoltre, in combinazione con il sistema di regolazione delle lancette, il treno del quadrante consente di ripristinare esattamente le posizioni della lancetta delle ore e della lancetta dei minuti dopo che la corona è stata parzialmente estratta.

Display a 24 ore
Un orologio da polso ha un display a 24 ore se la sua lancetta delle ore completa una rotazione completa attorno al proprio asse nel corso di un'intera giornata e il suo quadrante è calibrato da 1 a 24. Questo tipo di display si vede raramente perché ci vuole del tempo per abituarsi ed è difficile da leggere. Alcuni orologi da polso hanno anche due lancette delle ore separate: una delle due ruota attorno al proprio asse una volta ogni 12 ore; l'altra lancetta delle ore completa la stessa orbita in 24 ore.

Display dei secondi
Introdotto per la prima volta da Jost Bürgi nel 1579, i secondi erano originariamente visualizzati solo su orologi molto precisi. Oggigiorno una lancetta dei secondi è praticamente inutile su orologi e sveglie di tutti i tipi.

Display retrogrado
Una lancetta che indica l'ora, la data o il giorno della settimana avanzando in modo incrementale lungo un arco calibrato e poi, quando raggiunge la fine del suo arco, tornando rapidamente alla sua posizione originale.

Dispositivo di misurazione a breve termine
Un orologio che misura e supporta la lettura immediata della durata di brevi intervalli. Per definizione, tali dispositivi includono cronometri e cronografi.

Doppio movimento
Un orologio con due movimenti completamente separati (a carica manuale, automatico o al quarzo) che possono essere utilizzati, ad esempio, per mostrare l'ora in due diversi fusi orari. Il problema principale associato agli orologi da polso che hanno doppi movimenti, e in particolare ai modelli meccanici, è che i due movimenti possono deviare dalla sincronia a causa delle differenze nelle loro velocità.

Doublé (piatto, placcatura)
Il verbo francese "duplicatore" significa "raddoppiare". A prima vista, gli orologi con cassa double sembrano essere più preziosi di quanto non siano in realtà. Un substrato solitamente non prezioso viene placcato con uno strato più o meno sottile di metallo prezioso, ad esempio premendo lo strato di metallo prezioso sul substrato in una pressa idraulica. Se il metallo prezioso è l'oro, il risultato è chiamato "placcatura in oro laminata". Oltre all'oro, anche altri metalli preziosi come l'argento o il platino possono essere utilizzati come placcatura. Lo spessore del rivestimento in metallo prezioso si misura in micron (millesimi di millimetro). Venti micron significa che lo strato di metallo prezioso ha uno spessore di 20/1000 o 2/100 di millimetro. Uno svantaggio associato agli orologi da polso placcati è che il rivestimento in metallo prezioso si consuma gradualmente. La velocità con cui ciò si verifica dipende dalla frequenza con cui l'orologio viene indossato e dalla quantità di sudore a cui è esposto. I dorsi degli orologi placcati sono spesso realizzati in robusto acciaio inossidabile.

Ébauche (Movimento vuoto, movimento incompleto)
Termine francese per "schizzo". Nel gergo dell'orologiaio, il movimento grezzo di un orologio è descritto come un "ébauche". Un movimento funzionale è costituito da un movimento a vuoto, uno scappamento, un bilanciere a forma di cerchio e la sua molla del bilanciere a spirale, una molla principale, un quadrante e le lancette. Un ébauche è un movimento completo (piastre, ponti, treno di ingranaggi, componenti in acciaio) privo di scappamento, bilanciere, spirale, molla principale, quadrante e lancette. A seconda delle specifiche del destinatario, le ébauches sono attualmente disponibili con o senza gioielli pressati. La parola francese chablon, per la quale non esiste un equivalente inglese, è talvolta usata nel contesto degli spazi vuoti di movimento. Uno chablon è un insieme di componenti non assemblati per un intero calibro o per varie parti di un calibro. I movimenti a vuoto sono prodotti da aziende specializzate (e. g. Eta, Nouvelle Lémania, Frédéric Piguet).

Émail (smalto)
"Émail" è la parola francese per "smalto", una sostanza vetrificabile a cui possono essere dati vari colori e fusa sulla superficie dei metalli, sia per proteggere che per decorare il supporto. Lo smalto è costituito da sabbia silicea e fluoruro di calcio a cui vengono aggiunti ossido di piombo, borace e soda. La miscela viene prima sciolta a 1.200 gradi Celsius, quindi raffreddata a flash. I granuli risultanti vengono macinati in polvere insieme agli agenti coloranti, che includono: antimonio, ossido di zirconio o biossido di titanio per lo smalto bianco; ossido di cobalto, ossido di cromo o altri coloranti per lo smalto colorato. Strati di smalto vengono spazzolati o spruzzati sul substrato metallico pulito, oppure l'intero pezzo di metallo viene immerso nello smalto. Successivamente il pezzo rivestito viene cotto in un forno speciale ad una temperatura compresa tra 800 e 900 gradi Celsius. La tecnica della smaltatura è stata utilizzata sui quadranti e sulle casse degli orologi da oltre 350 anni. Durante i primi decenni del XX secolo, i quadranti smaltati erano praticamente una dotazione standard sugli orologi da polso di pregio. In parte a causa delle spese legate alla loro fabbricazione, i quadranti smaltati sono diventati piuttosto rari negli ultimi decenni.

Endstone (Jewel Cap, Cap-gioiello)
Un gioiello non forato, piatto da un lato e bombato dall'altro. Il lato piatto della pietra terminale è posizionato sul gioiello della bilancia per limitare il gioco verticale del personale della bilancia. I cuscinetti per le aste di bilanciamento sono generalmente dotati di pietre terminali. Nei calibri di altissima qualità, le pietre terminali vengono utilizzate anche per i cuscinetti delle aste dei pallet e delle ruote di fuga.

Energia
Il potenziale per portare a termine il lavoro. L'energia potenziale è necessaria per alimentare il treno di ingranaggi di un orologio. In un orologio meccanico, la fonte di questa energia può essere una molla principale (forza della molla) o un peso sollevato (forza della gravità). L'energia elettrica richiesta da un orologio al quarzo può essere fornita da un accumulatore, una batteria o un condensatore.

Equilibrio
Un cerchio circolare in metallo che, insieme alla spirale, incarna l'organo di regolazione di un orologio meccanico. Ha un'influenza decisiva sulla precisione del ritmo dell'orologio. La bilancia può essere definita come una “ruota oscillante” in equilibrio statico. Le bilance bimetalliche erano ancora utilizzate fino agli anni '40 per compensare le variazioni di temperatura sugli orologi di precisione. Dopo che la molla del bilanciere autocompensante "nivarox" era maturata al punto che era pronta per la produzione in serie nel 1933, le bilance bimetalliche divennero gradualmente meno importanti. Sono stati sempre più sostituiti da bilance monometalliche "glucydur" realizzate in bronzo al berillio. In combinazione con una molla del bilanciere nivarox, l'equilibrio del gluciduro era un organo di regolazione ideale che non perse nulla della sua importanza nei decenni successivi.

Equilibrio compensativo
Le variazioni di temperatura influenzano in modo deleterio la velocità di un orologio meccanico perché alterano l'elasticità delle molle del bilanciere in acciaio. L'aumento delle temperature fa sì che un orologio perda la velocità; le temperature in calo ne fanno aumentare la velocità. Più di 200 anni fa, l'orologiaio inglese John Arnold inventò il cerchio bimetallico con compensazione a fessura, che compensava in parte gli errori non trascurabili che le variazioni di temperatura causavano nel bilanciere in acciaio. Come afferma esplicitamente il nome, questo componente è costituito da un cerchio bimetallico composto da due metalli congiunti (ad esempio acciaio all'interno e ottone all'esterno). L'ottone ha un coefficiente di espansione più elevato dell'acciaio. Quando le temperature aumentano, l'ottone si espande più dell'acciaio in modo che le estremità libere del cerchio di ottone a fessura spostino la posizione verso il bilanciere. Ciò compensa l'allungamento della molla del bilanciere in acciaio. Quando la temperatura scende, il bordo della bilancia ha l'effetto opposto. Le bilance di compensazione sono più costose da produrre e più elaborate da assemblare rispetto alle normali bilance, quindi vengono utilizzate solo in orologi di qualità migliore. I saldi dei movimenti più economici mancano di questa capacità di compensazione, quindi la velocità dei movimenti più economici è più drasticamente influenzata dalle variazioni della temperatura ambiente.

Errore del centro di gravità
In teoria, dovrebbe essere sempre possibile creare un insieme perfettamente bilanciato costituito dalla bilancia e dalla sua molla. Anche in pratica, la perfezione vicina non è irraggiungibile. La perfezione può essere raggiunta regolando le viti del peso sul bordo della bilancia, o fresando scanalature o trapanando fori nel cerchio. Ma il piacere derivato da questo elaborato "atto di bilanciamento" è di breve durata perché prima o poi il centro di gravità si allontana quasi sempre dal centro della bilancia. Ciò si traduce in errori del centro di gravità che influenzano la velocità di un orologio meccanico tenuto in posizione verticale.

Établisseur
Il termine francese "établisseur", per il quale non esiste un equivalente inglese, indica un orologiaio che acquista componenti (movimenti, quadranti, lancette, casse, ecc.) Da produttori specializzati, quindi elabora e assembla ulteriormente questi componenti per produrre orologi completi.

Fasi lunari
Come risultato di cambiamenti ciclici nelle posizioni del sole, della luna e della Terra, la luna sembra passare attraverso quattro fasi (luna nuova, primo quarto, luna piena e ultimo quarto) prima di tornare alla luna nuova. Il tempo che trascorre da una luna nuova all'altra è di circa 29,5 giorni.

Finezza
Il rapporto tra il peso del metallo prezioso (es. Platino, oro o argento) in una lega e il peso totale della lega. Al giorno d'oggi la finezza si esprime in millesimi o in carati. L'oro puro è di 1.000 / 1.000 o 24 carati. Il valore di un carato ammonta a 1/24 del peso totale: 1.000 diviso 24 fa 41.666. Quattordici carati corrispondono quindi a 585 / 1.000. Diciotto carati corrispondono a 750 / 1.000.

Finitura
Il lavoro finale di assemblaggio delle parti di un orologio e messa in funzione della sua cassa.

Finitura satinata
Un lucido opaco, setoso e fine dato alle superfici metalliche.

Frequenza
Numero di oscillazioni per unità di tempo, espresso in hertz ( Hz). La maggior parte degli orologi fissi si basa principalmente su un pendolo come organo di regolazione della velocità. Gli orologi portatili sono generalmente dotati di una bilancia. Entrambi gli organi oscillano a una frequenza particolare. Il pendolo di un orologio a pendolo dei secondi richiede esattamente un secondo per completare l'arco da un punto di svolta all'altro, quindi ha una frequenza di 0,5 Hz o 1.800 battiti all'ora (A / h). I primi equilibri aumentavano la frequenza di oscillazione a 7.200 o 9.000 battiti all'ora. La frequenza dei saldi degli orologi da tasca è stata prima aumentata a 12.600 e successivamente allo standard tipico di 18.000 battiti all'ora (2,5 Hz). Anche negli orologi da polso, quest'ultima frequenza di bilanciamento è diventata la norma. Per migliorare la precisione, alcuni produttori di orologi hanno ulteriormente aumentato la frequenza della bilancia a 21, 600 A / h (3 Hz), 28.800 A / h (4 Hz) o addirittura 36.000 A / h (5 Hz). Tuttavia, i bilanci che oscillano a frequenze più alte richiedono anche più energia rispetto ai bilanci a ritmo più lento. Inoltre, all'aumentare delle velocità di rotazione e delle forze centrifughe, sorgono notevoli problemi legati alla lubrificazione. I moderni orologi al quarzo oscillano a una frequenza di 32.768 Hz.

Gabbia rotante
Una gabbia delicata, spesso in acciaio. Il titanio o l' alluminio sono spesso usati come materiale per questo assemblaggio sui moderni orologi da polso. Sugli orologi dotati di tourbillon, questa gabbia contiene il sistema oscillante e di scappamento (che consiste in bilanciere, bilanciere, spirale, palette e ruota di scappamento). La gabbia ruota attorno al proprio asse, di solito al ritmo di una rotazione al minuto. Una gabbia rotante dovrebbe essere robusta, filigranata e il più leggera possibile. La realizzazione di questo assemblaggio è tra i compiti più impegnativi e laboriosi di un orologiaio.

Geneva Waves (Code Genève)
Un abbellimento a forma di costola comunemente visto dato soprattutto ai ponti e ai galli di fine calibro. Le onde di Ginevra vengono applicate prima che i componenti siano galvanicamente nobilitati, ma rimangono visibili anche dopo quel trattamento. Le onde di Ginevra si trovano generalmente solo su movimenti di alta qualità.

Gioielli
Per ridurre l'attrito in orologi precisi, le pietre preziose vengono inserite nei punti critici, ad esempio sulle facce di impulso dei pallet e sul perno di impulso (perno del rullo). In passato venivano utilizzate pietre preziose naturali (es. Rubini o zaffiri). Al giorno d'oggi la maggior parte degli orologi moderni si basa esclusivamente su gioielli fabbricati sinteticamente. Si può distinguere tra gioielli portanti con fori, pietre terminali (gioielli con cappuccio), gioielli per pallet e perni a rullo (perni a impulsi). Solo perché un movimento ha un gran numero di gioielli non significa necessariamente che sia un movimento particolarmente di alta qualità. Al contrario: il quadrante di un orologio da polso economico può vantare che il movimento contiene un gran numero di "gioielli", il che potrebbe indurre una persona disinformata a presumere che si tratti di un orologio di alta qualità.

Glucydur Balance
La bilancia in glucydur è una moderna bilancia che ha sostituito le bilance di compensazione bimetalliche negli orologi di alta qualità dopo l'invenzione della molla del bilanciere di compensazione. Le bilance Glucydur sono costituite da una lega di rame che contiene una miscela di circa il 3% di berillio. Glucydur si riconosce dal suo colore dorato. Le bilance in nichel più semplici, invece, hanno una tonalità argentea. Le bilance Glucydur hanno una durezza di 380 Vickers; le bilance in nichel hanno una durezza di 220 Vickers; le bilance in ottone hanno una durezza di 180 Vickers. La maggiore durezza dei bilancieri di glucydur li rende più adatti per la rivettatura, l'equilibratura e la regolazione fine.

GMT
Greenwich Mean Time. I sinonimi sono World Time o Universal Time Coordinate (UTC). Il primo meridiano, cioè zero gradi di longitudine, passa da nord a sud attraverso il centro del fuso orario GMT. Il tempo medio presso l'osservatorio di Greenwich, in Inghilterra, viene utilizzato come standard per scopi di navigazione e comunicazioni radio internazionali.

Grande Complication
Orologio da tasca o orologio da polso altamente complesso dotato di una o più delle seguenti funzioni: cronografo, calendario perpetuo, ripetizione minuti, ecc.

Grande Sonnerie
Un grande meccanismo di percussione che, a seconda della versione specifica, emette automaticamente un segnale acustico per annunciare il arrivo di ore piene, mezze e quarti. Una seconda canna è integrata nel movimento per alimentare questo meccanismo. Di norma, i segnatempo con grande suoneria hanno anche un pezzo scorrevole che può essere spostato per disattivare il meccanismo udibile. La grande sonnerie è spesso combinata con un movimento ripetitivo.

Gravità
L'attrazione gravitazionale della Terra attira tutti i corpi verso il centro del pianeta. L'accelerazione subita dai corpi in caduta libera si misura in “g”. L'influenza della gravità sulla velocità di un orologio meccanico non deve essere sottovalutata. Soprattutto negli orologi da tasca, che sono tipicamente indossati in posizione verticale, la gravità può causare disturbi significativi nel comportamento della velocità se il centro di gravità della bilancia non è esattamente centrato sul personale della bilancia. Solo se è assolutamente centrato non c'è alcun punto lungo il bordo della bilancia che è continuamente attratto verso il centro della Terra con una forza maggiore di tutti gli altri punti lungo il bordo, provocando così sia accelerazione che decelerazione.

Guilloché (Engine Turn)
Per incidere, con l'aiuto di un motore a rose, la cassa o il quadrante di un orologio con un motivo decorativo di linee sottili, a volte incrociate o intrecciate ad arte.

Gyromax Balance
All'inizio degli anni '50, gli orologiai della casa di Patek Philippe scoprirono che le nuove bilance in gluciduro, che non necessitavano più di viti per pesi inerziali sui loro cerchi, potevano essere costruite con diametri maggiori senza aumentare significativamente il loro peso. Il diametro maggiore è andato di pari passo con un aumento del momento di inerzia del bilanciere, che ha portato a miglioramenti nelle prestazioni di frequenza di un orologio. La protezione brevettuale è stata concessa alla bilancia “Gyromax” il 31 dicembre 1951. Su questo tipo di bilancia, otto elementi di regolazione a forma di disco sono portati su perni disposti assialmente. Gli elementi possono essere ruotati. Questo sviluppo eccezionale può essere visto come il precursore della moderna bilancia anulare, che non ha viti.

Half Savonette (Half-hunter)
Orologio con coperchio molleggiato con un'apertura circolare al centro attraverso la quale è possibile leggere l'ora quando il coperchio è in posizione di chiusura. Questo tipo di cassa era più comune sugli orologi da tasca. Prima dell'introduzione dei primi cristalli per orologi infrangibili negli anni '20, talvolta sugli orologi da polso venivano utilizzate anche casse da cacciatore. Gli orologi da tasca per metà cacciatori di solito avevano una lastra di vetro nell'apertura circolare; Gli orologi da polso per metà cacciatori di solito non avevano questo riquadro.

Heures Sautantes (Jumping Hours)
Un meccanismo in cui un disco, stampato con una serie di cifre da 1 a 12, sostituisce la lancetta delle ore. L'ora corrente è visibile in formato digitale, ovvero viene visualizzata come una o più cifre. Uno e lo stesso numero è visibile per 60 minuti attraverso un'apertura tagliata nel quadrante. Dopo che la lancetta dei minuti raggiunge il "12", questo disco numerato salta improvvisamente in avanti per visualizzare il numero successivo, indicando così che l'ora successiva è iniziata.

Hunter
Orologio la cui cassa ha sia un coperchio posteriore che un coperchio anteriore incernierato a molla per proteggere il suo cristallo.

Hunter Calibre
Un movimento in cui la quarta ruota e la corona formano un angolo di 90 ° con il centro dell'orologio. Un piccolo quadrante dei secondi si trova in corrispondenza del "6".

Il paracadute
Abraham-Louis Breguet (1747–1823) usò questa parola per descrivere un sistema di assorbimento degli urti da lui inventato. Per proteggere i delicati perni dell'asta della bilancia, Breguet ha apposto i corrispondenti gioielli su braccia elastiche in acciaio.

Incabloc
Incabloc, uno dei sistemi di assorbimento degli urti più comuni e ampiamente utilizzati per gli orologi meccanici, è stato prodotto per la prima volta in serie nel 1933. È generalmente riconosciuto come il sistema di assorbimento degli urti di maggior successo nella storia degli orologi portatili. Il suo successo è dovuto in parte al fatto che questo sistema di assorbimento degli urti può essere facilmente integrato in tutti i calibri. Il sistema di assorbimento degli urti Incabloc ha solitamente la forma di una lira.

Incastar
Sviluppato da Portescap, questo sistema di regolazione per orologi meccanici non necessita del tipico indice. L'estremità esterna della molla di bilanciamento è schiacciata tra due rulli elastici. La posizione di uno di questi rulli può essere spostata con l'ausilio di un componente a forma di stella, allungando o accorciando così la molla del bilanciere e alterando la velocità dell'orologio. Questa operazione verrebbe altrimenti eseguita dal sistema di indicizzazione, il che è reso non necessario dalla soluzione Incastar.

Indicazione
Una visualizzazione, ad es. Di ora, data, giorno della settimana, mese, equazione dell'ora, riserva di carica, ora in un secondo fuso orario, ecc.

Indicazione dell'ora mondiale
A partire da zero gradi di longitudine (cioè il meridiano di Greenwich), l'ora differisce di un'ora intera ogni 15 gradi di longitudine. Il sistema mondiale di fusi orari è stato introdotto per la prima volta da Canada e Stati Uniti nel 1883. La Germania ha iniziato a conformarsi a questo sistema nel 1893. Gli orologi con indicazione dell'ora mondiale possono mostrare fino a 24 fusi orari su un unico quadrante. Un meccanismo aggiuntivo supporta la visualizzazione simultanea dell'ora in più di un fuso orario. (Un cosiddetto "heure universelle" può visualizzare l'ora in ben 24 zone diverse.) Gli orologi con indicazione dell'ora mondiale sono disponibili dagli anni '30 e sono particolarmente utili per le persone che volano su voli a lungo raggio o per gli uomini d'affari che intrattenere conversazioni telefoniche con colleghi di lavoro in luoghi distanti.

Jewel Hole
Una gemma sintetica di forma cilindrica (di solito un rubino), con un foro al centro. I gioielli vengono pressati in piastre, ponti e rubinetti per ridurre l'attrito e ridurre al minimo l'usura nei fori di articolazione praticati nei componenti planari. I perni in rapida rotazione di un treno di ingranaggi ruotano all'interno dei gioielli. Negli orologi molto raffinati, le pareti dei fori nei gioielli non sono di forma cilindrica, ma sono arrotondate in una forma simile a un'oliva, da cui il termine tecnico "oliva" o "buco del gioiello tagliato a oliva". L'arrotondamento sulle pareti del foro riduce ulteriormente l'attrito nel cuscinetto perché minimizza l'area di contatto tra il gioiello e il perno. Inoltre, un foro gioiello taglio oliva conferisce maggiore libertà di movimento al perno.

Karussell
Un dispositivo simile a un tourbillon. Il karussel fu inventato nel 1892 da un orologiaio danese di nome Bonniksen come alternativa al tourbillon, che è più difficile da realizzare e notevolmente più costoso. Un tourbillon in genere ruota attorno al proprio asse una volta al minuto. Il sistema di oscillazione e scappamento all'interno del karussel descrive un arco circolare di 360 ° una volta ogni ora. Alcuni karussels hanno un ciclo orbitale più breve. Oltre alla sua velocità di rotazione più lenta, un'altra differenza essenziale tra un karussel e un tourbillon risiede nella propulsione dell'organo rotante. Un tourbillon è fatto ruotare dalla quarta ruota, il che significa che le rotazioni della gabbia del tourbillon sono indispensabili per l'oscillazione avanti e indietro del bilanciere e quindi per il funzionamento dell'intero movimento. Se il tourbillon si ferma, lo stesso vale per l'intero movimento dell'orologio. Un karussel è solitamente azionato dalla terza ruota. L'orologio quindi continua a funzionare anche se il karussel, che di solito è realizzato come un piatto, dovesse fermarsi. I Karussels sono stati incorporati per la prima volta negli orologi da polso nel 2001.

Lancette Breguet
Una forma popolare, molto elegante e classica per le lancette degli orologi. Un foro circolare si trova all'estremità terminale (vicino alla punta) di una mano Breguet.

Lappatura
Le superfici oi bordi dei componenti dell'orologio possono essere levigati e lucidati con l'ausilio di una macchina lappatrice (o lucidatrice). Questa lucidatura esalta l'aspetto visivo e il valore di un movimento.

Lavoro sorprendente, meccanismo che colpisce
Una funzione aggiuntiva in un orologio che consente all'orologio di annunciare in modo udibile l'ora con maggiore o minore precisione. Si dovrebbe distinguere tra orologi che suonano sempre automaticamente l'ora e quelli che si ripetono (squillo) solo quando vengono attivati ​​premendo un pulsante o spostando la posizione di una diapositiva.

LCD
Abbreviazione di "display a cristalli liquidi". Quando eccitato da un campo elettrico, una pellicola di cristalli liquidi rifrange la luce incidente. Questo attributo rende questi cristalli molto utili per gli orologi al quarzo digitali. Gli LCD hanno sostituito i LED a metà degli anni '70. Piuttosto che generare la propria luce, un LCD rifrange la luce che cade su di esso. I vantaggi di questo sono: - viene utilizzata meno corrente elettrica - il display è continuamente visibile e non è necessario che venga attivato prima in modo speciale - viene fornita una buona visibilità in diverse condizioni di illuminazione - il gruppo non richiede parti mobili. Nella sua versione più semplice, un LCD è costituito da due lastre di vetro, ciascuna delle quali è rivestita sulla sua superficie interna con uno strato di elettrodi. Tra le due piastre ci sono cristalli liquidi nematici (filiformi) che hanno molecole allungate e una struttura di ordinamento quasi parallela. I cristalli liquidi subiscono eccitazione quando gli elettrodi sono esposti a un campo elettrico. Se non è presente alcun campo, il rivestimento è chiaro e trasparente. Quando la corrente lo attraversa, il rivestimento diventa turbolento, rifrange la luce e appare torbido.

LED
Abbreviazione di "diodo a emissione luminosa". Questi elementi optoelettrici sono stati utilizzati negli anni '70 per indicare l'ora sugli orologi al quarzo. Poiché il display assorbe così tanta energia quando è acceso, è stato mantenuto scuro a meno che non fosse attivato appositamente premendo un pulsante. Questo difetto ha presto portato alla sua obsolescenza e il LED è stato sostituito dal display LCD.

Ligne
Unità tradizionale utilizzata per misurare le dimensioni dei movimenti degli orologi. La ligne deriva dall'antico piede francese o “pied due roi”. Un diametro comune per i movimenti circolari è di 11 linee. I movimenti rettangolari a volte misurano 8¾ x 12 linee. Una linea è equivalente a 2.2558 millimetri. Un piede francese equivale a 12 pollici o 144 linee. Un piede è abbreviato con un solo apostrofo ('); un pollice è abbreviato con apostrofi gemelli (''); una linea è abbreviata con tre apostrofi ('' ').

Lunazione (mese lunare)
Durante una lunazione, che equivale a circa 29,5 giorni, la luna progredisce attraverso un ciclo completo delle sue fasi: cioè dalla luna nuova, al primo quarto, alla luna piena e all'ultimo quarto, alla luna nuova successiva.

Mani e viti blu
È stata a lungo una tradizione tra gli artigiani di orologeria quella di azzurrare le superfici dei componenti in acciaio. L'azzurramento richiede molta sensibilità ed esperienza. Le parti da brunire vengono messe in una piccola padella, che viene poi riscaldata a fuoco. Le superfici di queste parti acquisiscono il colore desiderato quando la loro temperatura sale a poco meno di 300 gradi Celsius.

Manifattura
Secondo le leggi non scritte dell'orologeria, un'azienda che produce orologi può definirsi una “manifattura” solo se realizza almeno un'ebauche (movimento a vuoto). Le aziende i cui artigiani assemblano le ébauches già pronte per produrre orologi finiti sono conosciute nel settore come "établisseures". Il circolo ristretto ed elitario delle manifatture di orologi meccanici comprende attualmente, tra gli altri nomi, Audemars Piguet, Chopard, Roger Dubuis, Girard-Perregaux, Glashütte Original, IWC, Jaeger-LeCoultre, A. Lange & Söhne, Patek Philippe, Piaget, Rolex e Zenith.

Marchio di fabbrica
Oltre alle insegne che compongono i loro nomi, anche molte aziende di orologi e produttori di ébauche hanno utilizzato e continuano a utilizzare un cosiddetto "marchio di fabbrica". Questo marchio, un logo facilmente riconoscibile, può essere posizionato in varie posizioni sul movimento di un orologio. Si trova spesso sul lato anteriore della piastra in una posizione normalmente coperta dal quadrante. I produttori di spazi vuoti di movimento a volte posizionano anche i loro marchi di fabbrica (insieme al numero del calibro) sotto la bilancia vicino al rubinetto del bilanciere. Le custodie generalmente portano il marchio di fabbrica sulla superficie interna del retro. Alcuni produttori rendono eterno il proprio logo sulla parte esterna dell'orologio, ad esempio sulla corona, sul retro e / o sul quadrante.

Marchio di qualità di Ginevra
Una legge approvata il 6 dicembre 1886 per regolamentare il monitoraggio volontario degli orologi da tasca costituisce la base giuridica del cosiddetto "marchio di qualità di Ginevra" o "Poinçon de Genève". Stabiliva severi standard di qualità per la produzione di orologi nel Canton Ginevra. Questo regolamento è stato reso notevolmente più rigoroso nel 1957. Da quell'anno in poi, gli orologiai che volevano che i loro orologi recassero l'ambito marchio sono stati tenuti a rispettare 11 standard di qualità. Anche la precisione del tasso di un orologio occupava il punto focale di interesse. Gli orologi da polso con movimenti di 30 mm o meno di diametro dovevano essere sottoposti a un programma di test di 18 giorni. Solo se il movimento soddisfaceva tutti i criteri si qualificava per portare il "Poinçon de Genève". La versione più recente del regolamento risale al 22 dicembre 1994. I presupposti per ricevere il marchio di qualità di Ginevra sono la numerazione e la presentazione di tutti i movimenti candidati all '"Ufficio per il monitoraggio volontario degli orologi di Ginevra". I contenuti principali della normativa riguardano la determinazione di dodici criteri relativi al livello di qualità di tutti i componenti e alla loro lavorazione. Tra gli altri dettagli, le parti in acciaio devono avere bordi lucidi e superfici frontali satinate. Le teste delle viti devono essere lucidate o con grana circolare; le fessure nelle teste delle viti devono essere smussate. Altre disposizioni specificano i dettagli su gioielli, ingranaggi, perni e perni, l'apposizione della molla del bilanciere al rubinetto del bilanciere, l'esecuzione tecnica dell'importantissimo sistema oscillante e di scappamento, la cura nella lavorazione dell'avvolgimento e della mano. regolazione degli organi, e il lavoro che deve essere dedicato alla costruzione delle altre componenti del movimento. A differenza del testo della legge del 1957, la normativa vigente non prevede più standard minimi per la precisione della frequenza dei movimenti presentati. Allora come oggi, tuttavia, i candidati per il marchio di qualità di Ginevra devono essere riuniti e adeguati all'interno del territorio del cantone di Ginevra.

Mariage
Nel gergo degli orologiai, la parola francese per "matrimonio" descrive la compilazione di molti componenti solitamente autentici presi da vari orologi diversi per assemblare un orologio completamente nuovo. I mariage ben fatti sono difficili da identificare, ma anche quelli di successo riducono significativamente il valore di un orologio.

Massa oscillante
In un movimento a carica automatica, la massa oscillante è un corpo libero di ruotare e collegato alla canna tramite un treno di ingranaggi. Quando il movimento è in una posizione non orizzontale, la gravità fa cadere questa massa pesante verso il centro della Terra. L'energia cinetica generata durante questa caduta viene trasferita da un treno di ingranaggi alla canna, dove la molla principale la immagazzina come energia potenziale.

Meccanismo di regolazione di precisione
Ad esempio, il collo di un cigno con una vite finemente filettata. L'intero gruppo è fissato al rubinetto del bilanciere, dove consente a un orologiaio di spostare la posizione dell'indice con incrementi minimi.

Megahertz (MHz)
Un'unità di frequenza che indica un milione di cicli al secondo.

Metallo prezioso
Le casse degli orologi da polso sono solitamente realizzate con metalli preziosi come oro, platino o argento. L'oro è disponibile in leghe aventi una finezza di 333 / 1.000 (8 carati), 375 / 1.000 (9 carati), 585 / 1.000 (14 carati) o 750 / 1.000 (18 carati). La mescolanza di altri metalli (es. Rame) alla lega altera la tonalità della lega d'oro. Se l'oro viene utilizzato come materiale per il rotore di un orologio da polso a carica automatica, le leghe più utilizzate sono l'oro 21 carati, 23 carati o 24 carati. La finezza del platino è 950 / 1.000. Gli svantaggi delle casse degli orologi d'argento sono che sono molto morbide e si appannano facilmente. Coprendoli con uno strato di doratura (vermeil) si previene efficacemente l'appannamento, ma soffre dello stesso problema che affligge le custodie double: prima o poi,

Mezzogiorno
L'unità di misura utilizzata per tutto il cronometraggio civile è il progresso del sole nel cielo. Il vero mezzogiorno è definito come il momento in cui l'ombra proiettata al suolo da un palo verticale è più corta.

Micro rotore
Un rotore, integrato nel piano del movimento, che carica automaticamente la molla principale di un orologio a carica automatica. La motivazione che ha portato all'invenzione dei calibri con micro-rotori è stata la volontà di costruire orologi da polso a carica automatica molto sottili e quindi molto eleganti. Costruzioni che si basano su pesi oscillanti vecchio stile a martello (che si muovono solo attraverso un arco anziché completare un cerchio completo) o che si basano su rotori centrali, Universal Genève ha seguito l'esempio nel 1958 con il sottile "Polerouter". Piaget presentò il Calibro 12 Pl nel 1959: appena 2,3 mm di spessore, era l'orologio automatico più sottile al mondo. Il classico calibro 240 di Patek Philippe, sottile di 2,4 mm, ha un micro-rotore in oro 22 carati. Il LUC 1.96 di Chopard ha debuttato nel 1996: questo calibro di manifattura ha doppia canna, è 3. 3 mm di spessore (incluso il datario a salto) e ha una riserva di carica di circa 70 ore. sono entrambi situati in un piano al di sopra del piano di movimento e sono di conseguenza più spessi dei calibri a micro-rotore. I calibri a micro rotore non hanno conquistato una quota molto ampia del mercato, ma sono comunque diventati una caratteristica fissa nella tecnologia degli orologi. Il pioniere del micro-rotore è stato Büren Watch Co., che ha ricevuto un brevetto corrispondente nel 1954. Tre anni dopo, questa azienda ha debuttato il suo "Super Slender", che aveva uno spessore di appena 4,2 mm. ma sono comunque diventati una caratteristica fissa nella tecnologia degli orologi. Il pioniere del micro-rotore è stato Büren Watch Co., che ha ricevuto un brevetto corrispondente nel 1954. Tre anni dopo, questa azienda ha debuttato il suo "Super Slender", che aveva uno spessore di soli 4,2 mm. ma sono comunque diventati una caratteristica fissa nella tecnologia degli orologi. Il pioniere del micro-rotore è stato Büren Watch Co., che ha ricevuto un brevetto corrispondente nel 1954. Tre anni dopo, questa azienda ha debuttato il suo "Super Slender", che aveva uno spessore di appena 4,2 mm.

Micron
Un milionesimo di metro o un millesimo di millimetro. Lo spessore della placcatura in oro sulle casse degli orologi double è misurato in micron, abbreviati con la lettera greca mu (µ). Il doppio aveva uno spessore di almeno venti micron. Al giorno d'oggi cinque micron sono uno spessore più comune.

Minuto
Con l'introduzione degli orologi meccanici ad ingranaggi, la giornata “ civile” è stata suddivisa in 24 ore di uguale durata. La parola "minuto" deriva dalla frase latina "diminutiva pars", che significa "una parte diminuita di un intero". I babilonesi furono i pionieri del sistema sessagesimale, che si basa sul numero "60".

Modulo
Un gruppo di costruzioni. Tra le altre applicazioni, i moduli sono utilizzati in molti cronografi a carica automatica. Sono tipicamente montati sulla parte anteriore (lato quadrante) del movimento. Un giunto a frizione viene solitamente utilizzato per collegare il modulo con il flusso di energia che si muove attraverso il treno di ingranaggi. Le costruzioni modulari di solito possono essere riconosciute senza aprire la cassa dal datario, che tende ad essere più profondo sotto il quadrante e di solito ha una lente di ingrandimento integrata nel vetro sopra di esso, e dalla disposizione a forma di V dei pulsanti e della corona . I moduli si trovano anche negli orologi con calendario, principalmente sui modelli che hanno i cosiddetti "calendari perpetui". In tali orologi, l'intero meccanismo del calendario è montato sulla propria piastra, che è fissata sul lato del quadrante del movimento. Esistono anche moduli del treno di sciopero.

Molla
Molle di vario tipo vengono utilizzate nei movimenti degli orologi. Oltre alla molla del bilanciere e alla molla principale, altri tipi comuni di molle includono molle a ponte e molle a frizione.

Molla principale
Una molla principale è una lunga striscia di acciaio, elastica, avvolta a spirale. Le molle principali furono utilizzate per la prima volta per immagazzinare energia per gli orologi meccanici durante il XV secolo. Una molla principale è avvolta all'interno di un barile. La coppia fornita da una molla principale è massima quando è completamente avvolta. Man mano che la molla si allenta gradualmente, la sua coppia diminuisce continuamente, il che ha un effetto negativo sulla velocità dell'orologio. Un orologio a carica automatica tende regolarmente la sua molla principale. Ciò porta a un livello di coppia relativamente costante e quindi a una velocità regolare. Gli orologi da polso moderni utilizzano generalmente molle principali in "nivaflex", una lega speciale che può essere utilizzata per rendere una molla elastica durevole e altamente resistente alla rottura. La molla a forma di S "nivaflex" rilascia regolarmente la sua riserva di energia.

Mouvement
Gli orologiai francesi usano questo termine per indicare il movimento di un orologio.

Movimento del ponte
Le ruote del movimento di un orologio sono portate sotto i singoli ponti che sono avvitati alla piastra inferiore.

Movimento di otto giorni
Un orologio meccanico appositamente costruito che fornisce un minimo di 168 ore o una settimana di riserva di carica. Il "Hebodmas" (il nome significa "sette giorni"), che ha debuttato nel 1913, aveva una grande canna che copriva l'intera superficie del suo movimento. I movimenti di lunga durata e sagomati degli anni '30 avevano canne di dimensioni normali, ma i loro treni di ingranaggi erano aumentati con due ruote intermedie aggiuntive. Un movimento di otto giorni è una caratteristica insolita e speciale per gli orologi domestici e altri orologi più grandi. Interessanti orologi da polso con riserve di carica di lunga durata sono diventati nuovamente disponibili intorno al 1990. Per aiutare i loro proprietari a ricordarsi di caricarli, questi maratoneti meccanici sono tipicamente dotati di display della riserva di carica.

Movimento sagomato
Un movimento dell'orologio che non è circolare. È stata sviluppata una vasta gamma di movimenti di varia forma (ad esempio, a forma di tonneau, a forma di baguette, rettangolari), specialmente per l'uso negli orologi da polso. I movimenti sagomati sono diventati piuttosto rari al giorno d'oggi.

Movimento scheletrico
Un movimento di orologio la cui piastra, ponti, rubinetti, canna e talvolta anche rotore sono forati in modo che l'unico materiale che rimane è quello che è assolutamente indispensabile alla funzione del componente scheletrato. Il piercing elaborato consente al proprio sguardo di penetrare in profondità (e talvolta attraverso) il movimento. Il lavoro di scheletro viene eseguito manualmente e richiede un orologiaio altamente qualificato. La qualità dell'artigianato è più facilmente riconoscibile nel lavoro scheletrato nei punti in cui i bordi sfaccettati si incontrano. È possibile differenziare tre diversi tipi di angoli: 1. L'angolo inserito. Due sfaccettature si incontrano per formare un angolo incassato. La giunzione dovrebbe essere una linea perfettamente retta che collega i punti di intersezione delle due linee di bordo. Questo tipo di angolo, che può essere creato solo a mano, dimostra che il lavoro dello scheletro è della massima qualità. 2. L'angolo sporgente. La giuntura di due sfaccettature forma un angolo sporgente. Questo angolo dovrebbe avere un bordo affilato e non dovrebbe essere né smussato né arrotondato. 3. L'angolo arrotondato. A differenza delle due forme precedenti, la sfaccettatura qui non ha un bordo tagliente. Gli angoli arrotondati sono meno artistici e meno preziosi degli altri due tipi di angoli perché anche le macchine possono essere utilizzate per crearli. Gli orologi da polso con movimenti scheletrati hanno debuttato a metà degli anni '30. Gli angoli arrotondati sono meno artistici e meno preziosi degli altri due tipi di angoli perché anche le macchine possono essere utilizzate per crearli. Gli orologi da polso con movimenti scheletrati hanno debuttato a metà degli anni '30. Gli angoli arrotondati sono meno artistici e meno preziosi degli altri due tipi di angoli perché anche le macchine possono essere utilizzate per crearli. Gli orologi da polso con movimenti scheletrati hanno debuttato a metà degli anni '30.

Mysterieuse
Termine francese per indicare un orologio il più trasparente possibile e in cui non sono visibili né il movimento né i mezzi di propulsione.

Non magnetico
Un orologio è amagnetico quando è protetto dagli effetti deleteri dei campi magnetici. Per ottenere ciò, i componenti più suscettibili ai disturbi del magnetismo sono realizzati con materiali che non possono essere facilmente magnetizzati (ad esempio, le molle di bilanciamento in elinvar o nivarox vengono utilizzate insieme alle bilance realizzate in ottone, nichel o bronzo al berillio). Inoltre, vari metalli non magnetici vengono utilizzati anche per componenti come i pallet, la ruota di scappamento e il rullo (o la tavola a rulli). Un'altra opzione è racchiudere l'intero movimento all'interno di una cassa interna aggiuntiva realizzata in una lega altamente conduttiva. Questa custodia interna impedisce la formazione di campi magnetici al suo interno.

Numero di vibrazioni
La somma dei battiti dell'organo di regolazione della velocità ( ad es. Pendolo o bilanciere) di un orologio è descritta come il suo "numero di vibrazioni". Un'oscillazione completa consiste in due vibrazioni sequenziali. Ad esempio, gli orologi da polso classici hanno generalmente una frequenza di oscillazione di 18.000 vibrazioni (o "battiti") all'ora. In altre parole, la bilancia completa 9.000 oscillazioni (battiti) o 18.000 mezze oscillazioni (vibrazioni) all'ora. La frequenza del bilanciamento di un tale orologio è di 2,5 hertz (Hz).

Organo di regolazione
L'organo di regolazione di un orologio meccanico è il bilanciere con la sua spirale.

Oro
Un metallo prezioso con un peso specifico di 19,5. L'oro con vari gradi di finezza viene utilizzato per gioielli e casse di orologi. Negli orologi meccanici molto fini, l'oro può essere utilizzato anche come materiale per le viti di regolazione sul bordo del bilanciere, per le montature dei gioielli, per le ruote, o anche per l'intero movimento.

Oro riempito
Un rivestimento d'oro applicato a un materiale di supporto non prezioso, ad es. Ottone.

Orologi
da polso al quarzo Orologi da polso elettronici in cui un cristallo di quarzo oscillante funge da organo di regolazione. La frequenza di 32.768 Hz è diventata lo standard di fatto odierno. Poiché l'organo di regolazione della velocità oscilla molto rapidamente, gli orologi al quarzo sono più precisi di quelli meccanici. Gli orologi da polso al quarzo furono commercializzati per la prima volta nel 1968.

Orologi da polso resistenti all'acqua
La frase comunemente vista "resistente all'acqua fino a 30 metri" (3 bar o 3 atmosfere) si basa sulla norma industriale tedesca (DIN) n. 8310. Secondo questa norma, un orologio può portare questa frase sul quadrante se la sua cassa è resistente al sudore, agli spruzzi d'acqua e alla pioggia, ed è impermeabile all'acqua per almeno 30 minuti quando è immerso a una profondità di un metro . Le informazioni aggiuntive "30 m", "3 bar" o "3 atm" non sono soggette a regolamentazione, ma indicano comunque che gli orologi che visualizzano queste informazioni hanno superato i corrispondenti test di pressione a cui li hanno sottoposti i loro produttori. Tuttavia, non è consigliabile indossare tali orologi durante il nuoto e sicuramente non durante le immersioni subacquee.

Orologi da sub
Un orologio da polso indossato durante il nuoto o le immersioni subacquee deve avere una cassa impermeabile fino a 100 metri. Ma secondo la norma industriale tedesca n. 8306, un orologio da sub deve soddisfare anche altri criteri. Oltre alla sua tenuta stagna e alla buona leggibilità, deve anche avere un meccanismo (ad esempio una lunetta che ruota in una sola direzione) che permetta a chi lo indossa di preimpostare la durata di un'immersione. Anche la leggibilità è rigorosamente definita. L'ora del giorno, il tempo di immersione preimpostato e le funzioni dell'orologio devono essere chiaramente leggibili da una distanza di 25 centimetri nella totale oscurità. Gli orologi subacquei professionali devono essere stagni ad almeno 200 metri. Inoltre, la loro impermeabilità all'acqua dovrebbe essere testata ad intervalli annuali. Un orologio da sub che soddisfa tutti questi criteri può portare il marchio DIN (norma industriale tedesca). Per la loro sicurezza, i subacquei dovrebbero far testare l'impermeabilità dei loro orologi due volte all'anno da Wempe Jewelers.

Orologio a carica manuale
Orologio la cui molla principale richiede la carica manuale.

Orologio a doppia faccia
Un orologio con un quadrante sul davanti e un altro sul retro. Gli orologi da tasca a doppia faccia sono molto più comuni degli orologi da polso a doppia faccia. I moderni orologi da polso a doppia faccia sono disponibili, ad esempio, da Jaeger-LeCoultre ("Reverso Duo-Face") e Patek Philippe ("Sky Moon Tourbillon").

Orologio con diapason
Un diapason eccitato elettronicamente, oscillante a una frequenza di 360 Hz, funge da organo di regolazione. L'orologio con diapason più noto è "Accutron" di Bulova, che ha debuttato nel 1960.

Orologio con una sola mano
I primi orologi a ingranaggi erano dotati di una sola mano, vale a dire. una lancetta delle ore. Il famoso orologio da tasca "Souscription" di Abraham-Louis Breguet era un orologio a una mano. L'ora può essere approssimata solo consultando il quadrante di un orologio a una mano. Orologi da polso di questo tipo sono rari, ma non del tutto inesistenti.

Orologio da polso per non vedenti
Un orologio da polso con un quadrante particolarmente robusto e un cristallo e una lunetta incernierati in modo che il non vedente possa aprire il cristallo, esporre il quadrante e "leggere" la posizione delle lancette dell'orologio con la punta delle dita. Gli indici delle ore sugli orologi per non vedenti sono solitamente scritti in numeri braille in rilievo.

Orologio di precisione
Orologio con scappamento a leva o cronometro e assemblato da componenti di alta qualità, compreso un sistema oscillante in grado di compensare le variazioni di temperatura. Gli orologi da tasca e da polso di precisione richiedono almeno quindici gioielli funzionali.

Orologio elegante
Un modello di orologio elegante ha in genere tre lancette per mostrare ore, minuti e secondi, nonché una cassa particolarmente sottile e un design discreto. A causa del loro design puristico, gli orologi eleganti possono essere combinati particolarmente bene con gli abiti e sono appropriati per quasi tutti gli stili di abbigliamento.

Orologio meccanico del treno di ingranaggi
Un orologio o orologio alimentato da una molla o da un peso discendente. La regolazione della velocità di questi segnatempo è realizzata da un bilanciere con spirale o da un pendolo oscillante. Lo sviluppo dell'orologio del treno di ingranaggi meccanici è probabilmente il risultato del meccanismo utilizzato per azionare i planetari, cioè dispositivi che rappresentano il moto dei pianeti. I primi manufatti di questo tipo risalgono alla fine del XIII secolo. Il più antico orologio del treno ad ingranaggi meccanici nell'Europa di lingua tedesca è probabilmente l'orologio della cattedrale di Strasburgo. Questo orologio fu completato nel 1352. Gli orologi funzionali dei treni ad ingranaggi apparvero per la prima volta in Inghilterra verso la fine del XIII secolo.

Orologio radiofonico
Nel 1978, una legge sulla determinazione del tempo ("legge del tempo") è stata approvata a Bonn che ha incaricato la Physikalisch-Technische Bundesanstalt (PTB) [Centro federale di fisica e tecnologica] di Braunschweig di "rappresentare e diffondere il tempo legale". Quattro orologi al cesio altamente accurati nella struttura di Braunschweig rilevano il tempo 100.000 volte più accuratamente di quanto non faccia la Terra. Secondo la legge, l'ora rilevata da questi orologi viene trasmessa da un trasmettitore a onde lunghe DCF 77 a Mainflingen, vicino a Francoforte sul Meno. Chiunque nel raggio di 1.500 chilometri che disponga di un ricevitore appropriato (un cosiddetto "orologio radio") può utilizzare questo segnale orario gratuitamente. L'ora esatta, compresa la data, il giorno della settimana e il mese corretti, viene trasmessa direttamente ai polsi delle persone che indossano orologi da polso radio. In caso di una perdita temporanea della capacità di trasmissione, o se il destinatario si trova al di fuori della portata del segnale, un normale movimento al quarzo nell'orologio o nell'orologio radio può continuare a mantenere con precisione l'ora. Non appena viene ricevuto il segnale radio successivo, i display dell'orologio radiofonico vengono automaticamente sincronizzati con l'ora normale trasmessa dagli orologi al cesio di Braunschweig.

Orologio senza chiave
Un orologio la cui molla principale viene caricata tramite la corona.

Oscillatore rapido
Guarda i movimenti i cui bilanci oscillano con un numero di vibrazioni o una frequenza accelerata a 28.000 o addirittura 36.000 battiti all'ora per ridurre al minimo la loro suscettibilità ai disturbi.

Ottone
Questa lega di rame e zinco è un metallo importante utilizzato nella produzione di orologi. A seconda dello scopo a cui verrà infine destinata (ad esempio per l'uso come piastra), le leghe di ottone possono contenere quantità variabili delle loro sostanze costituenti.

Pallet
Uno dei componenti più complessi negli orologi meccanici, i pallet hanno la forma dell'ancora di una nave, da cui il nome francese "ancre". Solitamente realizzati in ottone o acciaio, i pallet sono costituiti da diversi componenti, tra cui la leva, il personale del pallet, le pietre del pallet e la freccia o il perno di protezione. Lo scopo dei pallet è duplice: convogliare energia dal treno di ingranaggi alla bilancia, mantenendo quest'ultima in oscillazione; e per impedire al treno di ingranaggi di correre avanti e di esaurire rapidamente l'energia a sua disposizione dalla canna.

Pallet ingioiellati
Pallet dotati di gioielli in rubino.

Perpetuo
Un sinonimo di carica automatica o carica automatica. La parola è usata, ad esempio, nel nome del "Rolex Perpetual".

Piastra
A volte chiamata "piastra del movimento", questo termine designa una piastra metallica che porta i ponti (barre), i galli e altri componenti del movimento di un orologio. Il treno del quadrante (movimento) si trova sul lato del quadrante della piastra. L'intero treno di ingranaggi e la canna, così come il sistema oscillante e di scappamento, sono attaccati alla parte posteriore della piastra sotto i ponti (barre) e i rubinetti. Oltre ai fori filettati che accettano le viti, la piastra è forata anche con fori per i piedi e per i cuscinetti del treno ingranaggi.

Piastra a tre quarti
A differenza dei movimenti a ponte, quasi l'intero treno di ingranaggi (ad eccezione dei pallet, della ruota di scappamento e del bilanciamento) è sostenuto sotto una piastra aggiuntiva. Le placche di tre quarti sono utilizzate negli orologi americani e inglesi, e soprattutto negli orologi prodotti a Glashütte.

Piccoli secondi
Una lancetta dei secondi il cui asse non è al centro del quadrante. La maggior parte dei piccoli quadranti dei secondi si trova sopra il "6" sui cosiddetti orologi "cacciatori" o "savonnette", in cui un angolo di 90 ° è formato dalla corona, dal centro dell'orologio e dall'asse della lancetta dei secondi. Alcuni movimenti sono costruiti nel cosiddetto stile “Lépine”: in questi, la corona, il centro del quadrante e l'asse della lancetta dei piccoli secondi (al “9”) giacciono tutti lungo la stessa linea. Gli orologi da tasca aperti (cioè i Lépines con la loro corona al "12") hanno i piccoli secondi al "6".

Placcatura in rodio
nobilitazione galvanica applicata, ad esempio, alle superfici del movimento. La placcatura in rodio può proteggere dall'ossidazione e conferire un bagliore brillante alle superfici. Inoltre, il rodio crea una superficie più dura. Il rodio può essere raffinato dal minerale di platino, quindi è annoverato tra i metalli nel gruppo del platino.

Plaqué d'Or
Sottile strato d'oro applicato galvanicamente sulle superfici delle casse degli orologi che sono fatte di metalli non preziosi. Vedi anche doublé.

Platino
Metallo molto discreto e straordinariamente prezioso utilizzato nella fabbricazione di casse di orologi. Il prezzo elevato del platino deriva dalla sua estrema rarità, nonché dalle difficoltà legate all'estrazione, alla raffinazione e alla lavorazione. Per recuperare un grammo di platino è necessario estrarre più di 300 chilogrammi di minerale. Solo 100 chilogrammi di minerale devono essere estratti per recuperare un grammo d'oro. Inoltre, la lavorazione di successo del platino impone requisiti rigorosi a un metallurgista. Il platino ha il punto di fusione più alto di tutti i metalli preziosi: fonde a 1.773 gradi Celsius, rispetto a 1.063 gradi per l'oro e 960 gradi per l'argento. Il platino è anche più duro, più resistente e più pesante di altri metalli utilizzati nei gioielli, il che significa che per lavorare il platino devono essere utilizzati strumenti e tecniche di produzione speciali. Finalmente, le casse degli orologi in platino hanno solitamente una finezza di 950, ovvero la lega è platino puro al 95%. La cassa di un orologio in platino pesa circa il 35% in più di una cassa identica in oro 18 carati.

Ponte (barra)
Parte metallica dalla forma speciale in cui gira almeno un perno di una parte mobile di un orologio. Un ponte è avvitato ad entrambe le sue estremità su una piastra, dove è / sono inserita l'estremità opposta del / i perno / i. I ponti (noti anche come "barre") prendono solitamente il nome dalle parti rotanti che supportano, ad esempio il ponte con ruota centrale o il ponte a barilotto.

Posizioni
A differenza degli orologi da tasca, che di solito rimangono in un orientamento verticale all'interno del gilet o della tasca dei pantaloni di chi li indossa, gli orologi da polso vengono indossati in molte posizioni diverse, ad esempio "corona in alto", "corona in basso", "corona a destra", "quadrante in alto" e "dial down". Gli orologi precisi vengono quindi regolati in ciascuna di queste cinque posizioni.

Precious Metal Control (svizzero)
Una revisione parziale delle leggi svizzere che regolano i metalli preziosi è entrata in vigore il 1 ° agosto 1995. Le seguenti denominazioni di titolo sono valide in Svizzera da allora per oro, argento e platino: oro 333 585 750 916 999, argento 800 925 999, Platino 850 900 950 999. Il palladio è riconosciuto come un metallo prezioso con le seguenti denominazioni di finezza: 500 950 999. Lo spessore minimo per la placcatura in oro, platino e palladio è stato ridotto da 8 a 5 micron. Dieci micron è il minimo per la placcatura d'argento. La designazione di qualità "coiffe o" è consentita solo per casse di orologi o braccialetti con una placcatura in oro di almeno 200 micron di spessore. L'approvazione di questa legge ha anche ridotto drasticamente il numero di punzoni ufficiali che possono essere punzonati sulla superficie di gioielli o orologi dopo aver superato un controllo obbligatorio da parte dell'Autorità svizzera di controllo dei metalli preziosi. Prima del 31 luglio 1995, c'erano segni distintivi individuali per ogni metallo prezioso e ogni finezza. Dopo quella data, c'è stato un solo segno distintivo (la testa di un cane San Bernardo) combinato con numeri che designano il grado di finezza.

Precisione
Il ticchettio conta tra le macchine meccaniche più antiche e precise del mondo. Se il movimento di un orologio devia per un giorno (86.400 secondi) dalla norma ufficiale di 30 secondi (un errore piuttosto grande per gli standard contemporanei), l'errore aritmetico di quel movimento sarebbe dello 0,035%. In altre parole, il suo grado di precisione sarebbe un incredibile 99,965%. I moderni orologi da polso meccanici sono notevolmente più precisi, soprattutto se hanno ottenuto un certificato ufficiale di cronometro. La deviazione del tasso qui è inferiore allo 0,005%.

Primavera bilanciata piatta
Christian Huygens ha inventato la molla del bilanciere piatta nel 1675. I punti di attacco della molla al personale del bilanciere (pinza) e al rubinetto del bilanciere (perno) si trovano entrambi sullo stesso piano della molla stessa. A differenza delle molle di bilanciamento overcoil Breguet, le molle di bilanciamento piatte hanno lo svantaggio di non svilupparsi in modo assolutamente concentrico mentre si espandono e si contraggono. Ciò può avere un effetto negativo sui risultati del tasso. I movimenti meccanici moderni di solito hanno molle di bilanciamento piatte a cui è stata data una deformazione speciale per contrastare i suddetti difetti.

Prototipo
Derivato dalla lingua greca, questo termine denota un modello originale o un modello che funge da archetipo su cui sono modellate le versioni successive. Un prototipo è il primo esemplare di un orologio ed è tipicamente realizzato a mano prima che inizi la produzione in serie.

Pulsometro
Una scala per risparmiare lavoro e appositamente calibrata lungo la periferia di un orologio (solitamente un cronografo) per scopi medici. Come afferma esplicitamente il nome, un pulsometro viene utilizzato per misurare il polso di un paziente. A seconda della calibrazione della scala, l'utente conta 20 o 30 battiti cardiaci dopo aver avviato il cronografo. Il cronografo viene quindi arrestato e la punta della lancetta dei secondi del cronografo indica il numero sulla scala del pulsometro che corrisponde alla frequenza del polso del paziente in battiti al minuto.

Punzone
Un marchio impresso sulla cassa di un orologio per fornire informazioni, ad esempio sul tipo e la finezza del metallo prezioso, il paese (e talvolta anche la città o il cantone) di origine, l'anno di fabbricazione e l'identità del produttore della cassa . Anche il marchio o il logo della società che ha prodotto o consegnato l'orologio, un numero di riferimento e un numero di serie sono spesso punzonati sulla cassa.

Push-pezzo
Organo per mezzo del quale è possibile controllare una funzione. Ad esempio, un pulsante può essere utilizzato per sbloccare il coperchio a cerniera di un orologio da caccia; per avviare, fermare e riportare a zero la lancetta dei secondi di un cronografo; per attivare il lavoro di percussione su alcuni orologi a ripetizione; o per reimpostare il fuso orario su un orologio con l'ora mondiale.

Quadrante del regolatore
Indicazione decentrata delle ore e dei secondi. Una lancetta dei secondi il cui asse non è al centro del quadrante consente di leggere i secondi quasi interamente senza l'interferenza di altre lancette che raramente lo eclissano. Quadranti di questo tipo sono stati sviluppati per i cosiddetti "regolatori" (orologi di precisione) che sono stati utilizzati per tenere il tempo negli osservatori e nelle fabbriche di orologi, dove il cronometraggio con precisione al secondo era spesso essenziale. L'industria orologiera svizzera ha debuttato i primi orologi da polso con quadranti di regolazione negli anni '30. Sono stati lanciati solo pochi modelli, nessuno dei quali ha raggiunto una popolarità diffusa.

Quadrante luminoso
Quadrante da cui è possibile leggere l'ora durante la notte e senza illuminazione aggiuntiva. Per fare ciò, i numeri o gli indici e le lancette sono riempiti con un materiale luminoso. Solo sette anni dopo la scoperta del radio da parte di Marie e Pierre Curie nel 1898, la fabbrica di chinino Büchler & Co. a Braunschweig, in Germania, iniziò a commercializzare quadranti luminosi e lancette per orologi. Il radio puro è altamente radioattivo, quindi questo elemento non è più utilizzato sui quadranti luminosi. Anche il trizio, un isotopo radioattivo dell'idrogeno con un peso atomico di 3, è diventato obsoleto. Gli orologi con il trizio come materiale luminoso possono essere riconosciuti dalle parole "Swiss Made - T" sul quadrante. Al posto di queste sostanze radioattive, i moderni quadranti luminosi si basano su sostanze alternative che non sono radioattive ma comunque luminose, per esempio Super-LumiNova.

Regolazione
Il processo di impostazione o regolazione di un orologio.

Regolazione (tempistica, regolazione)
La sincronizzazione del movimento di un orologio consiste nell'osservare la sua frequenza giornaliera in varie posizioni e a varie temperature, quindi (se necessario) effettuare regolazioni fini per ottimizzare la velocità. La quantità di manodopera investita in questo compito è direttamente proporzionale alla qualità dell'orologio e al suo grado di precisione desiderato, che, a sua volta, è direttamente proporzionale al suo prezzo. Un tempismo preciso secondo la procedura ufficiale richiede la regolazione del movimento in almeno cinque posizioni ea tre diverse temperature (23,8 e 38 gradi Celsius).

Regolazione fine
Un meccanismo utilizzato per apportare lievi alterazioni nella posizione dell' indice (o del regolatore). È possibile utilizzare un gran numero di costruzioni diverse per eseguire regolazioni di precisione nei movimenti meccanici degli orologi. La regolazione fine del collo di cigno è tra i più esclusivi di tali meccanismi. Un sistema che si basa su una vite eccentrica è molto più comune. Una convinzione diffusa ma errata insiste sul fatto che un meccanismo di regolazione fine vada necessariamente di pari passo con una maggiore precisione. Gli orologi possono essere regolati con un alto grado di precisione semplicemente posizionando con attenzione la coda ordinaria dell'indice, sebbene questa operazione richieda estrema cura e destrezza.

Repeater Strike Train
Un'elaborata funzione aggiuntiva che consente al movimento di un orologio di annunciare in modo udibile l'ora corrente con maggiore o minore precisione. A seconda dei dettagli dello sciopero, si possono distinguere orologi con ripetizione di un quarto d'ora, un ottavo d'ora (7 minuti e mezzo), cinque minuti o un minuto. Il treno dello sciopero ha bisogno di energia per annunciare l'ora in modo udibile. Riceve questa energia quando viene attivato il meccanismo del treno d'urto. Questo meccanismo viene attivato spostando la posizione di una diapositiva o premendo un pulsante nel bordo della custodia. Se il cursore o il pulsante non è completamente spostato nella sua posizione limite, i semplici orologi a ripetizione non suonano completamente l'ora. Nelle costruzioni più fini, un dispositivo di sicurezza "tutto o niente" previene questo problema.

Riferimento
Specifico per ogni produttore, il riferimento è una sequenza alfanumerica utilizzata per classificare i modelli di orologio di quel produttore. Il numero di riferimento spesso contiene informazioni sul tipo di orologio, materiale della cassa, movimento, quadrante, lancette, cinturino e presenza o assenza di pietre preziose.

Ripassaggio (finitura)
Controllo completo (finale) di un orologio completato prima che lasci il luogo di produzione. La finitura include anche il controllo del tasso dell'orologio. In passato, i repasseurs (finitori) erano gli aristocratici tra gli orologiai.

Ripetizione minuti
Gli orologi con ripetizione minuti suonano uno o più rintocchi per annunciare in modo udibile le ore, i quarti d'ora e il numero di minuti trascorsi dall'ultimo quarto d'ora. I loro movimenti molto complicati di solito hanno due martelli che colpiscono due gong. Ogni ora intera è annunciata dal suono del martello con un numero corrispondente di colpi contro un gong basso. I minuti risuonano da un gong più acuto. I quarti d'ora sono annunciati da doppi colpi (alti bassi). I primi segnatempo con ripetizione minuti furono realizzati intorno al 1750. Erano e sono tuttora la gloria nell'arte di creare treni a ripetizione.

Riserva di carica
Tempo di funzionamento aggiuntivo fornito dall'energia immagazzinata in eccesso rispetto al normale intervallo di carica di un orologio (24 ore). La riserva di carica varia in genere tra le 10 e le 16 ore. La forza motrice fornita dalla molla motrice diminuisce durante questo intervallo, il che porta ad una riduzione delle prestazioni di velocità.

Rotore
Una massa oscillante che è libera di ruotare di un giro completo di 360 ° e utilizzata su orologi a carica automatica. A seconda del suo design, un meccanismo del rotore può avvolgere la molla principale in una o entrambe le direzioni di rotazione del rotore. Si può distinguere tra rotori centrali e micro-rotori. I primi ruotano durante l'intero movimento; questi ultimi sono integrati nel piano del movimento.

Rubinetti
A differenza di un ponte (o barra), un rubinetto è avvitato alla piastra solo in una delle sue due estremità. L'altra estremità del gallo "galleggia" liberamente. Esempi di rubinetti includono il rubinetto di bilanciamento, il rubinetto della ruota di scappamento, ecc.

Rubino
Il treno di ingranaggi di un orologio fu equipaggiato per la prima volta con rubini forati per ridurre al minimo l'attrito e l'usura da Fatio de Duillier e dagli orologiai francesi Pierre e Thomas Debaufre intorno al 1700. Questi ultimi due orologiai iniziarono a produrre gioielli forati e non forati per movimenti di orologi nel 1704. i primi rubini sintetici furono usati nei movimenti nel 1902. Il cosiddetto “rubis scientifique” è duro e omogeneo, può essere sintetizzato in qualsiasi colore si desideri ed è relativamente facile da lavorare. Ha sostituito il cosiddetto “rubino ricostituito”, che si ottiene fondendo e pressando insieme frammenti di rubino di scarto. I rubini sintetici differiscono da quelli naturali solo nella loro genesi. La composizione chimica di ciascuno è identica a quella dell'altro.

Scala Hectometer (contatore di produzione)
Le calibrazioni di un contatore di produzione aiutano a determinare la capacità di produzione di pezzi identici in un articolo prodotto in serie in serie. Il cronografo viene avviato all'inizio del processo che porta alla produzione di un pezzo prodotto in serie in serie, quindi fermato di nuovo al termine del processo. La lancetta sul quadrante mostra quanti pezzi sono stati prodotti all'ora. Ciò presuppone, tuttavia, che non siano necessari più di 60 secondi per produrre ogni pezzo.

Scala tachimetrica
Una scala, stampata sul quadrante di un cronografo, per aiutare nel calcolo delle velocità medie. Le scale del tachimetro sono generalmente calcolate per un chilometro o un miglio. Il cronografo si accende al punto di partenza di un tratto misurato, ad esempio nell'istante in cui la propria automobile supera un paletto chilometrico sul ciglio della strada, quindi si spegne nuovamente quando il proprio veicolo raggiunge la fine del chilometro misurato. La lancetta dei secondi del cronografo ora punta ai numeri sul tachimetro che corrispondono alla velocità media (in km / h) alla quale è stato attraversato l'allungamento misurato.

Scala telemetrica
Una scala su un cronografo per consentire a chi lo indossa di leggere direttamente le distanze. La base per il calcolo è la differenza tra le velocità con cui le onde sonore e le onde luminose si propagano nell'aria. Ad esempio, la distanza tra chi lo indossa e un temporale può essere determinata come segue: il cronografo si accende nell'istante in cui si vede un lampo di luce, quindi si ferma quando si sente il corrispondente tuono. A seconda che la scala del telemetro sia calibrata in chilometri o miglia, la lancetta dei secondi del cronografo indicherà il numero sulla scala del telemetro che corrisponde alla distanza della tempesta (in chilometri o miglia) dall'osservatore.

Scappamento
Un meccanismo che convoglia in modo incrementale l'energia dalla molla principale ai sistemi oscillanti (bilanciere e spirale) di un orologio e impedisce al treno di ingranaggi di correre in avanti senza controllo. Tra gli altri suoi componenti, lo scappamento è costituito dalla ruota di scappamento con il suo pignone e dai pallet con i suoi gioielli per pallet gemelli e la forcella. La maggior parte degli orologi da polso di alta qualità di oggi si basa su uno scappamento ad ancora svizzero. Questo nome deriva dalla forma specifica dei pallet e dalla geometria del sistema di scappamento, inventato in Svizzera. Lo scappamento di un orologio da polso meccanico svolge un lavoro molto arduo. Se la frequenza della bilancia è di 28.800 battiti all'ora, lo scappamento consente al treno di ingranaggi di avanzare di 691.200 incrementi individuali ogni giorno. Dopo quattro anni, ciò equivale a più di un miliardo di impulsi e supera di sei volte il lavoro di un cuore umano.

Scappamento a cilindro
Lo scappamento a cilindro fu inventato dall'orologiaio inglese George Graham intorno al 1726. Questo tipo di scappamento si trova nei primi orologi da polso. Se viene utilizzato in un orologio da polso più recente, la sua presenza suggerisce che questo orologio è più semplice e meno costoso. Lo scappamento a cilindro rinuncia ai pallet come anello di congiunzione. Invece, i denti della ruota di scappamento penetrano direttamente in un cilindro cavo, che funge contemporaneamente da bilanciere. A causa della velocità di movimento non sufficientemente accurata che si basa su questo tipo di scappamento, lo scappamento a cilindro non è più utilizzato negli orologi contemporanei.

Scappamento a leva
Questo è attualmente il tipo di scappamento più comunemente usato negli orologi meccanici. Fu inventato intorno al 1710 dall'orologiaio inglese George Graham (il cosiddetto “scappamento a battito morto di Graham”) per l'uso in grandi orologi. A partire dal 1757, lo studente di Graham Thomas Mudge sviluppò progressivamente lo scappamento ad ancora in modo che potesse essere utilizzato anche negli orologi da tasca. Gli orologi portatili si basano su vari tipi di scappamenti ad ancora. I loro nomi variano a seconda della forma dei pallet e includono: lo scappamento a leva inglese (che ha denti appuntiti sulla ruota di scappamento), lo scappamento a leva Glashütte, lo scappamento a leva svizzero e lo scappamento a paletta. Lo scappamento ad ancora svizzero domina indiscutibilmente il campo al giorno d'oggi. Lo scappamento pin-pallet è piuttosto raro e si riscontra tipicamente solo in casi molto semplici,

Scappamento a leva a denti uncinati
Un altro nome per lo scappamento ad ancora svizzero. Il nome deriva dalla forma ad uncino dei denti sulla ruota di scappamento.

Scappamento a leva svizzero
Uno scappamento per piccoli segnatempo in cui i denti della ruota di scappamento si allargano con l'aumentare della distanza dal centro della ruota. I denti allargati distribuiscono l'alzata data alla ruota di scappamento e le palette con i suoi due gioielli pallet (rubini). Oltre allo scappamento ad ancora svizzero, esistono anche scappamenti ad ancora inglese e Glashütte.

Scappamento a paletta
In uno scappamento a paletta, il ruolo che altrimenti sarebbe svolto dalle pietre per paletta è svolto dai perni in acciaio che salgono verticalmente dal piano del bancale. Questi perni ingranano con i denti della ruota di scappamento.

Scappamento coassiale
Uno scappamento per orologi meccanici inventato dal maestro orologiaio inglese George Daniels. Grazie ad una profonda riprogettazione degli elementi di impulso, l'attrito risultante, che non può essere del tutto eliminato, viene notevolmente ridotto, rendendo così possibile fare a meno dell'olio lubrificante. Questo, a sua volta, evita gli effetti deleteri sull'ampiezza del sistema oscillante che sono causati dalla viscosità dei lubrificanti liquidi. Gli intervalli di manutenzione possono essere notevolmente allungati. A differenza degli scappamenti convenzionali (pallet, ruota di scappamento), lo scappamento coassiale è costituito da tre componenti: una ruota intermedia, una ruota coassiale e un pallet con tre gioielli pallet. Come in uno scappamento ad ancora convenzionale, anche qui la tavola a rulli è fissata al bilanciere. Ma a differenza della tavola a rulli di uno scappamento ordinario (che ha un solo gioiello a rulli), la tavola a rulli di uno scappamento coassiale ha anche una paletta a impulsi. Il nome “scappamento coassiale” deriva dal fatto che un unico bastone funge da asse comune alla ruota di scappamento e al grande pignone della ruota di scappamento (con i suoi denti di lupo, che ingranano con i denti della ruota intermedia). Per quanto riguarda il funzionamento dell'intero insieme, basti dire quanto segue: quando la bilancia ruota in senso orario, riceve uno stimolo diretto dalla ruota di scappamento al pallet di impulsi della rulliera. Solo quando la bilancia gira in senso antiorario entrano in gioco i pallet veri e propri. Un piccolo impulso è dato dal pignone della ruota di scappamento al pallet di impulso centrale sui pallet. Dopo ogni impulso, la ruota di scappamento viene brevemente fermata dal gioiello del pallet esterno in modo che la bilancia possa continuare a oscillare liberamente nella stessa direzione.

Seconde indipendenti (Seconde Morte)
Il testo di un brevetto concesso a un movimento con una lancetta dei secondi di tipo a salto descrive il meccanismo dei secondi indipendente come "un meccanismo per il movimento in avanti graduale della lancetta dei secondi su un movimento dell'orologio a ingranaggi". In sostanza, questo non è altro che un normale calibro meccanico. Su un orologio il cui bilanciere ha una frequenza di 18.000 battiti all'ora, il meccanismo dei secondi indipendenti conta cinque vibrazioni, quindi rilascia la lancetta dei secondi, che (come su un orologio al quarzo) salta in avanti con un incremento di un secondo intero.

Secondi centrali (secondi di scansione)
Una lancetta dei secondi il cui asse è situato al centro del quadrante. Sugli orologi con secondi centrali, l'albero della ruota centrale è scavato per fornire spazio per il personale su cui è fissata perpendicolarmente la lancetta dei secondi. Occorre fare una distinzione tra movimenti con secondi centrali diretti e quelli con secondi centrali indiretti. Il primo si trova all'interno del flusso di energia del treno di ingranaggi; quest'ultimo si trova al di fuori del flusso.

Secondi centrali indiretti
Nei movimenti dell'orologio con secondi centrali indiretti, l'impulso della lancetta dei secondi proviene dall'esterno del flusso di energia che passa attraverso il treno di ingranaggi. Per questo motivo, questo tipo di meccanismo dei secondi si trova frequentemente su calibri che erano stati originariamente costruiti per supportare piccoli contatori dei secondi e successivamente ricostruiti per supportare una lancetta dei secondi "sweep". I calibri moderni sono generalmente costruiti per supportare una lancetta dei secondi "sweep" assiale centralmente. Per questo motivo, di solito hanno secondi centrali diretti, cioè l'impulso per la lancetta dei secondi è all'interno del flusso di energia che passa attraverso il treno di ingranaggi.

Secondo
La durata di una “secunda diminutiva pars”, cioè una “seconda parte diminuita” di un'ora, è stata ridefinita più volte nel corso della storia. Queste ridefinizioni erano dovute in parte agli enormi progressi compiuti nella scienza della misurazione del tempo. Un comitato composto da scienziati francesi suggerì nel 1820 che un secondo dovesse essere definito come un 86.400esimo di un giorno solare medio. L'irregolarità della rotazione terrestre determinata empiricamente, insieme ai progressi nella moderna tecnologia di cronometraggio al quarzo, ha reso questa definizione obsoleta. Una nuova definizione fu proposta nel 1956, quando l'unità di tempo nota come "seconda" fu ridefinita come 31.556.925,9747 esimo del tempo necessario alla Terra per completare un'orbita annuale del sole. Il mezzogiorno del 1 gennaio 1900 fu scelto come momento per iniziare a contare queste orbite annuali. Questa unità minuziosamente definita, tuttavia, non è sopravvissuta molto a lungo perché era troppo imprecisa. Una deviazione di cinque secondi si sarebbe accumulata nell'arco di un solo millennio. I cronometristi al quarzo hanno cessato di svolgere un ruolo nel mondo sconvolgente della misurazione del tempo altamente precisa perché sono stati sostituiti dagli orologi atomici alla fine degli anni '50, quindi gli scienziati si sono dati il ​​compito di trovare una nuova definizione. Dal 1957, il secondo è stato definito come il tempo necessario allo scafo elettronico di un atomo di cesio per completare 9.192.631.770 vibrazioni. I cronometristi al quarzo hanno cessato di svolgere un ruolo nel mondo sconvolgente della misurazione del tempo altamente precisa perché sono stati sostituiti dagli orologi atomici alla fine degli anni '50, quindi gli scienziati si sono dati il ​​compito di trovare una nuova definizione. Dal 1957, il secondo è stato definito come il tempo necessario allo scafo elettronico di un atomo di cesio per completare 9.192.631.770 vibrazioni. I cronometristi al quarzo hanno cessato di svolgere un ruolo nel mondo sconvolgente della misurazione del tempo altamente precisa perché sono stati sostituiti dagli orologi atomici alla fine degli anni '50, quindi gli scienziati si sono dati il ​​compito di trovare una nuova definizione. Dal 1957, il secondo è stato definito come il tempo necessario allo scafo elettronico di un atomo di cesio per completare 9.192.631.770 vibrazioni.

Sfaccettatura
I componenti in acciaio e ottone di orologi molto pregiati hanno bordi sfaccettati (smussatura). Gli smussi sul bordo della parte dovrebbero idealmente formare un angolo di 45 °.

Slideway
Dispositivo di governo per un cronografo. Una camma mobile, la cui forma varia a seconda delle particolarità del calibro, fornisce le informazioni “programmate” per le funzioni di avvio, arresto e ritorno a zero del cronografo. I cronografi con guida a scorrimento oa camma sono tecnicamente meno complessi, ma non meno affidabili dei cronografi con ruote a colonne.

Smalto Cloisonné
Smalto che è stato suddiviso in scomparti policromi (cosiddetti “cloison”) mediante tramezzi metallici che impediscono la miscelazione del materiale liquefatto. I fili d'oro che misurano 0,007 mm di larghezza e circa un mm di altezza vengono piegati nelle forme desiderate e fissati al quadrante per creare un motivo. Un artigiano appositamente addestrato noto come "cloisonneur (e)" esegue questi compiti, la cui difficoltà è inversamente proporzionale alle dimensioni del quadrante o del motivo. Dopo che i fili sono stati piegati e fissati per creare il motivo finito, ciascuno dei minuscoli cloison viene riempito con smalto in polvere del colore desiderato. Fino a cinque strati di questo materiale a grana fine devono essere applicati con una penna d'oca. Dopo aver applicato ogni strato, il pezzo deve essere cotto in un forno. Lo strato inferiore si fonde con lo strato superiore per creare un gioco di colori con molte sfumature. I fili d'oro sporgono sopra il piano dell'ultimo strato di smalto, quindi il cloisonneur (e) deve carteggiarli manualmente fino a quando non sono a filo con la superficie dello smalto. Questa abrasione è seguita da un'ultima lucidatura a mano.

Smussatura
Un termine che può avere una varietà di significati in orologeria. A rigor di termini, significa che l'anello è scattato al centro della cassa di un orologio per trattenere il vetro. Spesso, tuttavia, la stessa parola viene utilizzata anche per descrivere un anello rotante (solitamente di metallo) apposto sulla parte anteriore della cassa di un orologio.

Spring Bar
Un cilindro sottile utilizzato per fissare un braccialetto "chiuso" alle corna. Il perno conico su ciascuna estremità della barra a molla viene premuto verso l'esterno da una molla cilindrica all'interno della barra a molla. Per fissare un braccialetto alla cassa di un orologio, una barra a molla viene prima inserita attraverso ciascuna estremità del cinturino, quindi le estremità a molla di ciascuna barra a molla vengono premute verso l'interno e la barra a molla viene inserita tra le "corna" sulla cassa. Quando la pressione viene rilasciata, le estremità molleggiate scattano in posizione all'interno dei fori che sono stati praticati nelle corna per adattarle.

Stop-secondi
Un dispositivo che arresta il progresso del movimento e / o della lancetta dei secondi in modo che le lancette possano essere impostate con una precisione al secondo. Per fare ciò, l'utente estrae la corona verso l'esterno nell'istante in cui la lancetta dei secondi raggiunge il "12". Quando lui o lei sente un segnale orario, la corona viene spinta verso l'interno e la lancetta dei secondi (insieme alle altre lancette dell'orologio) riprende il suo movimento.

Swiss Made
Frase, stampata sul quadrante e / o impressa nel movimento, per identificare la provenienza di un "orologio da polso svizzero". Secondo l '“Ordinanza Swiss made” del 27 maggio 1992, questa frase può essere usata solo quando il movimento è svizzero e l'assemblaggio, il rivestimento e i controlli finali di qualità sono stati tutti eseguiti in Svizzera. Se un orologio deve guadagnare il diritto di portare la frase “Swiss made” sul quadrante o movimento, allora almeno il 50% del valore dei suoi componenti, esclusi i costi di assemblaggio, deve derivare da componenti che sono stati fabbricati in Svizzera. I produttori non svizzeri non possono utilizzare la frase "Swiss made", anche se tutti i componenti sono stati prodotti in Svizzera, ma l'assemblaggio è stato eseguito al di fuori della Svizzera.

Swiss Mvt. (Movimento)
Una frase stampata in minuscolo sul quadrante di orologi da polso non svizzeri che racchiude un movimento che è stato realizzato in Svizzera. La frase "Swiss Mvt." si trova, ad esempio, su copie plagiate. Di solito stampata in lettere minuscole, la frase può indurre in errore un acquirente incauto a interpretare male e presumere erroneamente che la seconda parola della frase sia "fatta".

Tempo di corsa (Autonomia di marcia )
L'intero tempo di corsa di un movimento meccanico, cioè l'intervallo tra l'avvolgimento completo della molla e l'arresto delle lancette dovuto a energia insufficiente nella molla allentata.

Tourbillon
Inventato da Abraham-Louis Breguet nel 1795 e brevettato dal suo inventore nel 1801, il tourbillon è un dispositivo che compensa l'errore del centro di gravità che affligge il sistema oscillante (bilanciere e spirale) di un orologio meccanico. La parola francese "tourbillon" significa "turbine". Il dispositivo è opportunamente denominato perché racchiude l'intero sistema oscillante e di scappamento all'interno di una gabbia rotante di minor peso possibile. Questa gabbia completa una rotazione attorno al proprio asse durante una particolare unità di tempo (di solito un minuto). Grazie alla sua rotazione incessante, un tourbillon compensa le influenze negative che l'attrazione gravitazionale terrestre esercita sulla bilancia quando l'orologio è tenuto in posizione verticale, portando così a corrispondenti miglioramenti nella precisione del ritmo. Il tourbillon non ha alcun effetto sulla precisione della frequenza quando l'orologio è tenuto in posizione orizzontale. Gli orologi da polso con meccanismo tourbillon furono realizzati per la prima volta come concorrenti nelle gare di cronometro negli anni '40. Gli orologi da polso con tourbillon sono stati prodotti in piccole serie dal 1986.

Treno di ingranaggi
In un normale orologio a carica manuale, il treno di ingranaggi è costituito da cinque coppie di ruote con i relativi pignoni. I denti lungo la periferia del bariletto ingranano con le foglie del pignone della ruota centrale, che è fissato allo stesso bastone che porta la ruota centrale. I denti della ruota centrale ingranano con le foglie del pignone della terza ruota. La terza ruota ingrana con il pignone della quarta ruota. La quarta ruota ingrana con il pignone della ruota di scappamento. L'energia fluisce attraverso la ruota di scappamento e le altre parti del sistema di scappamento, arrivando infine alla bilancia, che viene così mantenuta in movimento.

Vetro di cristallo
Vetro incolore. Il vetro è stato utilizzato come materiale per proteggere i quadranti degli orologi fino agli anni '40. Il problema con i cristalli di vetro è che tendono a rompersi. Anche un leggero colpo contro il cristallo può frantumare la fragile lastra di vetro.

Visualizzazione analogica dell'ora
L'ora è indicata da un paio di lancette. L'ora corrente è indicata dalle posizioni relative della lancetta delle ore e della lancetta dei minuti. Con pochissime eccezioni, quasi tutti gli orologi da polso di alta qualità sono dotati di display dell'ora analogici. Gli orologi elettronici digitali che hanno dominato il mercato negli anni '70 hanno perso la maggior parte della loro importanza.

Visualizzazione dell'età della luna
Un indicatore che mostra il numero di giorni trascorsi dall' ultima luna piena. In un mese sinodico, l'intervallo da una luna nuova all'altra è esattamente di 29 giorni, 12 ore, 44 minuti e 3 secondi. I tipici display delle fasi lunari sono costituiti da un disco, tagliato intorno alla sua periferia con 59 denti e con due lune piene stampate o dipinte diametralmente l'una di fronte all'altra sulla sua superficie. Alimentato dal movimento, questo disco richiede due lunazioni per completare una rotazione completa attorno al proprio asse. L'attuale fase lunare può essere determinata guardando attraverso un'apertura sagomata appositamente tagliata nel quadrante. Una scala suddivisa in modo corrispondente circonda la periferia dell'indicazione delle fasi lunari. Le visualizzazioni dell'età della luna si discostano dalla realtà astronomica di circa otto ore all'anno. Oltre a queste semplici versioni,

Visualizzazione della data
La data può essere mostrata in modo analogico con una mano o digitalmente con numeri stampati su un disco. La lancetta o il disco della data ruota attorno al proprio asse una volta ogni 31 giorni, avanzando di un incremento intorno alla mezzanotte di ogni giorno successivo. Su una visualizzazione della data a lancetta, i numeri da 1 a 31 sono stampati sul quadrante e la punta della lancetta designata indica la data corrente. Gli orologi da polso con datario digitale hanno un disco della data apposto sulla parte anteriore del movimento. Il numero corrispondente alla data corrente appare all'interno di un piccolo finestrino tagliato nel quadrante. Una lente d'ingrandimento integrata nel cristallo ne migliora la leggibilità. Si dovrebbe fare una distinzione tra le visualizzazioni "striscianti" e "saltellanti". I primi vengono fatti avanzare dolcemente e gradualmente dal movimento dell'orologio. Quest'ultimo assorbe continuamente energia dal movimento durante il corso della giornata e immagazzina quell'energia in una molla, che libera la sua riserva di energia proprio a mezzanotte, facendo balzare in avanti la visualizzazione della data di un incremento. I datari possono avere un singolo anello, due dischi, due dischi disposti concentricamente e numerati, oppure un disco circolare e uno cruciforme. Nell'ultima variante, il disco circolare reca le cifre nella colonna delle "uno" e il disco cruciforme porta le cifre (e lo spazio vuoto per le date a una cifra) nella colonna delle "decine" per indicare la data. Questi display "big date" sono più grandi e quindi più facilmente leggibili dei display più piccoli con una sola finestra. che sprigiona la sua riserva di energia proprio a mezzanotte, facendo balzare in avanti la visualizzazione della data di un incremento. I datari possono avere un singolo anello, due dischi, due dischi disposti concentricamente e numerati, oppure un disco circolare e uno cruciforme. Nell'ultima variante, il disco circolare reca le cifre nella colonna delle "uno" e il disco cruciforme porta le cifre (e lo spazio vuoto per le date a una cifra) nella colonna delle "decine" per indicare la data. Questi display "big date" sono più grandi e quindi più facilmente leggibili dei display più piccoli con una sola finestra. che sprigiona la sua riserva di energia proprio a mezzanotte, facendo balzare in avanti la visualizzazione della data di un incremento. I datari possono avere un singolo anello, due dischi, due dischi disposti concentricamente e numerati, oppure un disco circolare e uno cruciforme. Nell'ultima variante, il disco circolare reca le cifre nella colonna delle "uno" e il disco cruciforme porta le cifre (e lo spazio vuoto per le date a una cifra) nella colonna delle "decine" per indicare la data. Questi display "big date" sono più grandi e quindi più facilmente leggibili dei display più piccoli con una sola finestra. il disco circolare porta le cifre nella colonna "delle" e il disco cruciforme porta le cifre (e lo spazio vuoto per le date a una cifra) nella colonna "decine" per indicare la data.

Visualizzazione della riserva di carica (Réserve de Marche)
Un'indicazione della riserva di carica residua disponibile per un movimento meccanico. I display della riserva di carica furono usati per la prima volta sui cronometri marini perché il degrado di un tale orologio e la conseguente perdita dell'ora esatta in alto mare potevano essere disastrosi per la navigazione e per i marinai che dipendevano da una navigazione accurata. Per questo motivo, ogni sguardo al quadrante manteneva anche un marinaio informato sullo stato momentaneo della molla. Quando i meccanismi di carica automatica iniziarono a farsi strada negli orologi da polso, il display del Powerreserve iniziò di nuovo a svolgere un ruolo importante. Ha dimostrato che il meccanismo a carica automatica funzionava correttamente. I display della riserva di carica sono quasi del tutto scomparsi dal mercato per molti decenni, ma questa funzione aggiuntiva è tornata molto popolare negli ultimi anni.

Visualizzazione delle equazioni
A causa della forma ellittica dell'orbita terrestre attorno al sole e dell'inclinazione dell'asse terrestre, la differenza tra i giorni solari più brevi e più lunghi dell'anno è di 30 ore e 45 secondi. Tenere il tempo in base all'ora solare reale con le sue lunghezze di giorno in continua evoluzione sarebbe poco pratico nella vita quotidiana, quindi gli astronomi hanno definito "tempo solare medio". La lunghezza di un giorno solare medio (86.400 secondi), che è indicata da tutti gli orologi e orologi ordinari, viene calcolata facendo la media delle lunghezze di tutti i giorni solari reali in un anno. La visualizzazione dell'equazione, inventata alla fine del XVII secolo e da allora diventata estremamente rara, mostra la differenza tra l'ora solare media e l'ora solare reale. Le deviazioni massime si verificano a metà febbraio (+14 min. 24 sec.) E all'inizio di novembre (-16 min. 21 sec.). Le lunghezze dei giorni solari veri e medi sono identiche quattro volte all'anno (il 16 aprile, il 14 giugno, il 1 settembre e il 25 dicembre). Le differenze giornaliere sono programmate nella circonferenza di una camma a forma di rene che ogni anno completa una rotazione attorno al proprio asse. Un meccanismo elaborato "legge" questa cam e trasferisce le informazioni a una lancetta aggiuntiva dei minuti o a un secondo paio di lancette sul display delle equazioni del quadrante.

Visualizzazione digitale dell'ora
Rappresentazione dell'ora mediante numeri. Gli indicatori digitali per ore, minuti, secondi e / o data erano già in uso prima dell'invenzione degli orologi al quarzo. I display digitali sugli orologi meccanici sono costituiti da anelli o dischi rotanti opportunamente stampati. I display digitali dell'ora sugli orologi da polso al quarzo inizialmente utilizzavano diodi a emissione di luce (LED), ma questi utilizzavano troppa elettricità, quindi furono presto sostituiti da diodi a cristalli liquidi (LCD).

Watch Winder
Un dispositivo meccanico che carica delicatamente gli orologi a carica automatica quando non vengono indossati. Quando un orologio viene riposto in un caricatore per orologi, viene ruotato lentamente attorno all'asse del rotore dell'avvolgitore. Questo movimento attiva il meccanismo di carica. Gli carica orologi sono particolarmente utili per gli orologi a carica automatica con molte complicazioni, perché l'impostazione manuale dell'orologio può richiedere molto tempo, a seconda del numero di complicazioni. Grazie alla conservazione in un caricatore di orologi, gli orologi a carica automatica possono essere indossati e indossati in qualsiasi momento senza un processo di impostazione e carica che richiede tempo. Ciò consente inoltre al proprietario di controllare con precisione la precisione dell'orologio.